“Non è stata compiuta nessuna violazione di legge. Il calendario venatorio della Puglia, anche con la modifica apportata, rispetta la normativa nazionale ed europea e individua termini temporali di chiusura della stagione in corso assolutamente omogenei a tutte

le altre Regioni, rispetto ai quali l’ISPRA nulla ha eccepito. Nel merito, l’allungamento del calendario pugliese (dal 19 al 30 gennaio prossimo) produrrà solo 5 giornate in più di caccia – peraltro per i soli cacciatori residenti. La Puglia, infatti, è tra le poche Regioni ad aver previsto obbligatoriamente le giornate fisse di caccia (mercoledì, sabato e domenica). Si tratta, dunque, di un allarme ingiustificato che, io credo, riviene pure dalla evidente discrasia esistente tra le direttive comunitarie e la legge nazionale (157/92) e che ha provocato più di qualche dubbio interpretativo. Dubbi per i quali le Regioni hanno chiesto per tempo al Mipaaf (con lettera della Commissione Politiche agricole risalente a giugno scorso) chiarimenti ed indicazioni per una più omogenea interpretazione. Chiarimenti ad oggi, spiace evidenziarlo, non ancora pervenuti.
Nessuno abuso, quindi, e men che meno nessuna manipolazione del procedimento, atteso che il parere ISPRA al calendario pugliese, peraltro consultivo e non vincolante, è stato chiesto in avvio di procedimento, prospettando, sin da allora, una impostazione di calendario del tutto sovrapponibile a quella della precedente stagione, che prevedeva come termine di chiusura proprio fine gennaio, in coerenza a quanto previsto dall’attuale normativa nazionale, scritta in modo condiviso da associazioni venatorie, ambientaliste e degli agricoltori. 
Ecco perché, allora, ritengo che sarebbe molto più utile che i nostri parlamentari, soprattutto quelli che oggi protestano, facessero quadrato affinché si giunga a risolvere la richiamata discrepanza tra norme comunitarie e nazionali che pone in così seria difficoltà tutte le Regioni, deputate alla stesura dei calendari annuali.
Difficoltà rispetto alle quali il sistema delle Regioni si è già fatto parte diligente insediando a novembre scorso un tavolo nazionale, coordinato proprio dalla Puglia, con l’obiettivo di individuare trama e regole condivise da consegnare alla operatività delle singole strutture regionali.

Mi chiedo, però, come mai questa vibrata protesta sia stata indirizzata solo alla Puglia, quando anche tante altre Regioni – Molise, Campania, Basilicata, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, ecc. – hanno individuato, sin dall’inizio, nella stessa fine di gennaio il termine dei rispettivi calendari venatori”.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

4 × cinque =