Dopo la morte di due giovani per overdose, un 22enne ed un 30enne, uno originario di Teramo e l’altro di Guidonia Montecelio, ospiti di una comunita’ di recupero per tossicodipendenti di Lavinio, nel Lazio, i carabinieri della Stazione di Lavinio e del Nucleo Operativo della Compagnia di Anzio

hanno avviato immediatamente le indagini che hanno portato all’identificazione di un 52enne pregiudicato della zona e di un 33enne di Lecce, anch’egli già noto alle forze dell’ordine. Entrambi dovranno rispondere della “morte di due persone come conseguenza di altro reato e spaccio di sostanza stupefacente”.

Le indagini intanto proseguono: si attende, infatti, l’esame autoptico sulle vittime per capire se l’eroina aveva un’alta concentrazione di principio attivo o era tagliata con sostanze nocive. I due spacciatori ora si trovano rinchiusi nel carcere di Velletri.