“Artisti tra due mari”è il titolo dello spettacolo che andrà in scena il prossimo 7 gennaio al Politeama Greco di Lecce. Un evento organizzato dall’Ensemble Tito Schipa, dalla Provincia di Lecce e dall’impegno del cantautore salentino Franco Simone.

L’omaggio sarà per tre grandi conterranei: il tenore leccese Tito Schipa, nome d’arte di Raffaele Attilio Amedeo, è stato anche un  attore ed èconsiderato uno dei più grandi “tenori di grazia” della storia dell’opera, vissuto a cavallo tra il diciannovesimo ed il ventesimo secolo; il cantautore,chitarrista, attore e regista Domenico Modugno e Nicola Arigliano, il cantante recentemente scomparso e che ha avuto il merito di portare il jazz in televisione, tra i suoi maggiori successi:  “I sing ammore”, “My wonderful bambina”, “I love you forestiera”.Tre grandi conterranei, che hanno fatto la storia del Salento e che hanno esportato un po’ di Salento nel mondo.
Artisti tra due mari di un tempo e di oggi, quasi un’evocazione del nuovo lavoro di Franco Simone, “Nato tra due mari”. Originario di Acquarica del Capo, ha avuto il suo esordio nel 1972 con la vittoria del festival di Castrocaro e da li in poi la sua carriera è stata un’escalation di successi. Attualmente, per la terza stagione consecutiva, scrive e conduce un suo programma televisivo dal titolo “Dizionario dei sentimenti”, in onda su Gold TV di Sky, raccontando la musica con amore, tracciando delle speciali monografie sugli artisti e duettando con loro,  un programma originale e sempre più seguito.  Lo stesso cantautore sarà protagonista della serata insieme ad Antonio Quarta degli Aram Quartet e a tanti altri artisti. Soddisfatta la vice presidente della provincia di Lecce, Simona Manca, sempre più impegnata in ambito culturale a progetti che danno lustro e spessore ad un Salento in continuo fermento. Soddisfatti anche gli artisti che si esibiranno, investiti del privilegio di rappresentare altri grandi artisti salentini, protagonisti della scena nazionale e internazionale.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.