”La crisi del berlusconismo sta infettando il Paese ed e’ urgente un momento di igiene democratica, cioe’ le elezioni. Perfino Confindustria dice che stiamo perdendo tempo”. In una intervista a Repubblica, il governatore della Puglia, Nichi Vendola, sottolinea che ”il ricorso alle urne e’ indispensabile,

ma non mi piacciono – aggiunge – le alchimie di D’Alema”. Il leader di Sel ricorda di essere stato ”il primo” a chiedere di tornare al voto, e, dice, ”dovrebbero chiedermi scusa per avermi tanto criticato quando dicevo che la strada erano le elezioni”.

All’appello di D’Alema, risponde pero’ con un altro appello: ”Apriamo un cantiere, discutiamo della crisi della societa’ italiana e di come restituire seranza ai giovani, di come dare ossigeno ai ceti popolari”.

E ”la prima cosa e’ sbarrare la strada alla violenza di una proposta federalista che marginalizza irrimendiabilmente il Mezzogiorno”. Ma ”le formule alchemiche mi lasciano perplesso. Il gioco di palazzo mi imbarazza e non voglio parteciparvi”.

CONDIVIDI