La Zone Franca Urbana di Lecce non si tocca. Lo ha detto a chiare lettere il Ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani che ha rassicurato in tal senso il sindaco di Lecce Paolo Perrone. Il primo cittadino leccese aveva scritto al Ministro lo scorso 22 gennaio per timore che venisse cancellata la Zona Franca

Urbana di Lecce, grazie alla quale un’ampia area del quartiere S. Rosa-Stadio poteva beneficiare di incentivi e fiscalizzazione di vantaggio per garantire la crescita e lo sviluppo occupazionale della stessa area. “So che sono circolate informazioni e notizie diverse al riguardo – scrive il Ministro Romani – ma non rispondenti al vero, basate probabilmente su testi e documenti provvisori che quindi potevano contenere qualche inesattezza e incompletezza. Nessuna volontà o indicazione politica, dunque, di abrogare le Zone Franche Urbane”. “E’ la risposta che aspettavamo – commenta il sindaco di Lecce, Paolo Perrone – per spazzare via i dubbi e le cassandre da parte delle forze di opposizione. Le rassicurazioni del Governo nazionale rappresentano un ulteriore stimolo verso la strada che questa amministrazione aveva da tempo imboccato. La Città di Lecce, infatti, in via sperimentale, ha integrato il dispositivo della Zona Franca Urbana con lo strumento del programma innovativo in ambito urbano di due Contratti di Quartiere, ubicati nella zona 167 A – B – C e ha avviato nelle aree in oggetto la realizzazione di investimenti pubblici per circa € 20.000.000 e di privati per ulteriori € 40.000.000. L’obiettivo  dell’amministrazione comunale – conclude Perrone – è quello di rilanciare di un’area ad alto tasso di disagio sociale ed economico attraverso le esenzioni fiscali automatiche per le piccole e medie imprese.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

17 − diciassette =