La notizia secondo cui la Provincia di Lecce non darà più il patrocinio per il “Treno della Memoria”, il progetto dell’Associazione Terra del Fuoco, che dal 2005 a oggi ha portato oltre 10000 giovani di tutta Italia in visita agli ex Campi di Concentramento e sterminio di Auschwitz e Birkenau, in Polonia

non ci sorprende ma non possiamo esimerci dal rivolgere un appello al Presidente Gabellone affinché tale assurda decisione sia rivista e sia perciò consentito agli studenti di poter visitare e conoscere i luoghi della tragedia nazifascista. Così Francesco D’Agata, coordinatore provinciale di Italia dei Valori.
Troppo spesso, infatti, siamo costretti a constatare l’inversione di rotta in termini di sensibilità culturale ed educativa da quando l’ente provincia è governato dal centrodestra specie poi in un settore delicato quale quello dell’educazione dei giovani dopo che la Provincia di Lecce, da anni a questa parte ha saputo riconoscere in progetti come questo un’importante valenza didattica ed una forte carica sociale peraltro confermata da riconoscimenti quali: l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, il Patrocinio del Parlamento Europeo, il Patrocinio della Camera dei Deputati e il Patrocinio del Ministero per le Politiche Giovanili
La provincia di Lecce sembra quindi aver intrapreso la stessa strada del governo nazionale in materia di educazione dei giovani alla storia e con questa scelta dimostra una certa allergia ai valori dell’antifascismo che invece dovrebbero costituire punti fermi dell’agire di ogni politico in quanto inseriti nella carta costituzionale.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

19 − 12 =