Proseguirà il 31 gennaio a Bari il sodalizio tra il Comitato Italiano WFP, gli Enti locali e l’Imprenditoria pugliese per combattere la fame nel mondo. La collaborazione è iniziata lo scorso 18 novembre attraverso la sottoscrizione dell’accordo con ANCI Puglia

volto alla sensibilizzazione e mobilitazione, sul grave problema della fame nel mondo, dei 248 Comuni aderenti.
“Combattere la fame nel mondo” sostiene Luigi Perrone – Presidente ANCI Puglia, “non è un compito per un solo attore, ma un partenariato che comprenda il lavoro congiunto tra Enti locali, Istituzioni, Aziende, società civile e settore privato. Sono certo che, con la collaborazione di tutti questi elementi, faremo la differenza”.
La collaborazione si è consolidata il 15 dicembre, quando il Comitato Italiano per il Programma Alimentare Mondiale- WFP e la Casillo Group hanno siglato l’accordo a favore del programma di alimentazione scolastica del WFP in Gambia.
Il prossimo appuntamento del 31 gennaio si pone come base per individuare, in un percorso condiviso, un programma di interventi finalizzati a valorizzare e supportare il WFP; e a promuovere la Puglia, quale polo di eccellenza per la divulgazione e la diffusione dei valori di responsabilità sociale d’impresa. Obiettivo, l’allargamento della collaborazione alla rete di Aziende attive sul territorio regionale, rappresentate dalla Confindustria, che parteciperà all’evento.

“Ci auguriamo che il territorio pugliese, da sempre solidale, risponda unanime e deciso all’appello del WFP, di mobilitare le proprie risorse per sostenere i progetti volti a sconfiggere la fame nel mondo”,  afferma Vincenzo Pirato – Presidente del Comitato Italiano WFP Puglia. “Deve essere, oltre che un impegno, un onore poter mettere le proprie conoscenze e le proprie forze a servizio della più grande Agenzia delle Nazioni Unite che raggiunge ogni anno una media di 90 milioni di persone che vivono situazioni di crisi ed emergenza. Sconfiggere la fame è possibile, ma per raggiungere questo traguardo dobbiamo andare avanti uniti e c’è bisogno del contributo e del sostegno di tutti”.

Un primo passo concreto verso questo obiettivo sarà, grazie alla donazione della Casillo Group, la realizzazione in Gambia di un sistema in grado di soddisfare il fabbisogno quotidiano di cibo della popolazione, nel rispetto delle abitudini alimentari locali e delle peculiarità del territorio di riferimento, garantendone la distribuzione capillare nelle mense scolastiche.

“Questo progetto” spiega Beniamino Casillo- Amministratore Delegato della Casillo Group, “intende fornire anche un’adeguata formazione circa le tecniche di coltivazione, che potranno essere messe in pratica negli orti scolastici per la produzione di materie prime di base, il tutto a sostegno di una produzione di cibo consapevole e rispettosa degli standard di qualità”.

Il programma di pasti scolastici, è un esempio concreto dell’azione svolta dal WFP, volta a promuovere la sicurezza alimentare, attraverso programmi di assistenza alimentare che siano strumentali alla costruzione di beni, alla diffusione della conoscenza e alla crescita di  comunità più forti e più dinamiche. Attraverso questo programma il WFP fornisce cibo a scuola a più di 20 milioni di studenti.  Il cibo, sotto forma di pasti scolastici,  incoraggia le famiglie a mandare i propri figli a lezione, dando loro anche una speranza in un futuro migliore. 
Il WFP è la più grande Agenzia delle Nazioni Unite che dal 1963 risponde tempestivamente alle emergenze, salvando vite umane e portando cibo agli affamati e a chi è più vulnerabile.  Dal 2005 il Comitato Italiano sensibilizza e raccoglie fondi in Italia per il WFP, sposandone in toto la filosofia e le attività, il Comitato Italiano WFP conta all’attivo centinaia di collaboratori che, nelle vesti di soci, volontari e simpatizzanti, lavorano con dedizione e impegno per costruire un mondo libero dalla fame.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.