Perché ha deciso di investire sul calcio amatoriale e sponsorizzarne così una squadra?

Innanzitutto per la mia passione calcistica…, ma soprattutto perché ho voluto credere nella realtà sociale del mio paese, Surbo, e utilizzare il calcio amatoriale come strumento per valorizzarlo e farlo crescere. Lo sport, in fondo, fa anche questo, giusto? La squadra, poi, porta il nome della mia azienda “Edilservice”: un modo diverso di farsi pubblicità in un contesto economico difficile come il nostro.

Come si è svolto fino ad ora il 20° Campionato Provinciale? E la sua squadra come si è comportata fino ad ora?

L’ultimo campionato provinciale si sta svolgendo in un contesto amichevole, con qualche tensione in campo, ma credo che faccia parte dello sport agonistico… tutti vogliono vincere, ed è giusto che sia così: il gioco diventa più interessante se gli avversari in campo mettono fuori tutta la loro grinta. I miei giocatori lo hanno fatto sin da inizio campionato: devo ringraziarli per questo e per lo spirito con cui animano ogni incontro, per la loro voglia di vincere ogni partita. Lo dimostrano anche i risultati ottenuti: una sola sconfitta, siamo terzi in classifica con  due partite da recuperare.

Quali sono le aspettative e le attese, considerato che siete terzi in classifica pur avendo ancora due partite da recuperare?

Sarebbe scontato dire che vogliamo vincere… mi aspetto che la squadra cresca, migliorando sempre più ed entrando, perché no, nel campionato amatori nazionale. Ci si aspetta sempre il massimo, facendo attenzione a non volare troppo in alto, ma guardando alla realtà e cercando di fare sempre di più.

Su chi puntate all’interno della squadra?

Sul gruppo…. questa domanda è a trabocchetto: un bravo presidente sa che deve valorizzare tutti, senza privilegiare nessuno… solo così il gruppo rimane unito e diventa forte. Il nostro gruppo non è solo la squadra, ma tutto ciò che le ruota attorno, compresa la tifoseria che la segue in tutte le partite, anche quelle fuori casa e le altre aziende che sponsorizzano il nostro progetto: “Maroccia Costruzioni” e “Ferrante Edilizia“.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.