Quando nasce la tua passione per la musica?

Posso dire che della musica, soprattutto della bella musica sono sempre stato appassionato, fin da bambino quando ascoltavo le casette di Lucio Battisti che mio padre metteva nello stereo. 

Poi col passare del tempo ho dedicato parecchio alla ricerca musicale cercando di non soffermarmi su un genere preciso ma di ascoltare un pò di tutto e soprattutto m’interessavo molto a capire i movimenti culturali che si celavano dietro la musica che ascoltavo in quel periodo .

Background musicale…come te lo sei costruito?

Il mio beckground è sempre in aggiornamento , la musica si aggiorna , le tendenze cambiano e il pubblico è sempre più esigente, indubbiamente il mio repertorio è basato molto sulla “ old school “ house dei primi anni novanta in poi, si può dire che vado alla ricerca di suoni particolarmente caldi , ritmatici e melodici.

Cos’è la musica per te?

Interpreto la musica come una seconda concezione di realtà, con la musica vedi tutto diverso !

Descrivici i tuoi “attrezzi del mestiere” e il tuo rapporto con la tecnologia.

Ormai sia per comodità sia per “adeguamento” o diciamo anche per moda, mi sono dovuto adeguare ai nuovi standard tecnologici. Salutando i cari cd e i vecchi vinili , ci si è convertiti al mondo dei computer.  I miei attrezzi ormai sono : Mac e controller  

Qual è il disco che hai ascoltato più volte in vita tua?

Sono tre i dischi che ho consumato e continuo a farlo : big fun degli Inner city – india – I can’t get no sleep  e Deeoer love dei c&c

Torniamo alla consolle, ci racconteresti un episodio della vita di dj che non dimenticherai mai?

Indubbiamente la mia prima serata , non avevo nessun esperienza eppure a primo colpo riuscì a far ballare tutti ,  come si dice la fortuna del principiante. Però quel ‘emozione che sentii quella volta  vedendo ballare tutta quella gente la rivivo ogni volta che metto piede in consolle.

Hai un particolare progetto ideale e concettuale cui arrivare come massima aspirazione?
Si può dire che sto lavorando per mettermi nelle condizioni un domani di mettere su un’etichetta discografica e diffondere il mio concetto di house music. Penso sempre in grande …

Ci vuoi parlare dei tuoi attuali progetti musicali?

Per il momento con dei ragazzi sto portando avanti qualche lavoro di produzione. Questo mese esce un singolo su un’etichetta indipendente e a Febbraio un Ep sulla joyfull family etichetta locale molto nota.

Siamo alla conclusione, grazie per il tempo dedicatoci. A te l’ultima parola…

Credo di aver già detto tutto vi ringrazio, a presto .

CONDIVIDI