“Presieduto dal consigliere comunale, prof. Wojtek Pankiewicz, si è riunito il Coordinamento cittadino del Centro Moderato – Partito della Nazione per un esame della situazione politico-amministrativa del Comune di Lecce.” Lo comunica in una nota il consigliere Wojtek Pankiewicz

“Il Coordinamento ha definito desolante tale situazione e ha convenuto che il forte e costante calo di consensi, anno dopo anno, del sindaco Perrone, ormai precipitato in fondo alla classifica dei sindaci più amati dai loro cittadini, che emerge dal sondaggio pubblicato sul Sole 24 Ore,  non è altro che la conferma che nella città di Lecce Perrone, ormai da tempo, è minoranza. Infatti, tale dato si era già evidenziato in occasione delle elezioni provinciali del 2008 e regionali del 2009, quando il PDL, nonostante avesse due eccellenti candidati come Gabellone e Palese, venne sonoramente battuto a Lecce città.
Il crollo del consenso di Perrone dimostra che i cittadini leccesi non ne possono più di una Giunta  che galleggia e tira a campare, senza risolvere un solo problema della città, e  hanno forte  VOGLIA DI CAMBIAMENTO. Ciò deve essere di sprone per il Centro Moderato – Partito della Nazione, laboratorio di idee e cantiere della buona politica, ad intensificare l’impegno per offrire una valida risposta culturale e politica al perronismo e costruire una concreta e credibile alternativa di buon governo che faccia riprendere il cammino a una città priva di guida, che da qualche anno non migliora più, anzi fa passi indietro.
I tratti salienti del perronismo, così come si è palesato in questi quattro anni, sono: 1) IMMOBILISMO E POLITICA DEGLI ANNUNCI, soprattutto attraverso raffiche di conferenze stampa, indimenticabile quella, nel corso della quale, fu annunciato che i pali del filobus sarebbero stati avvolti da piante rampicanti e fiori. 2) PRATICA DELLO SCARICABARILE, evitando qualunque assunzione di responsabilità e incolpando di tutti i mali del Comune la precedente Giunta Poli Bortone, della quale egli era il vice sindaco, e, quando ciò non è possibile, incolpando l’opposizione o la stampa. 3) ARRETRATEZZA DI CULTURA POLITICA, esemplare in questo senso l’iniziativa ottocentesca del pranzo della Befana servito ai poveri dal sindaco-signore-padrone col grembiulino, a fronte di una totale mancanza di cultura dei diritti sociali che devono essere assicurati a tutti, in particolare ai cittadini (non sudditi) più bisognosi, e dei valori dell’inclusione e della solidarietà. 4) CONDUZIONE VERTICISTICA E PADRONALE della cosa pubblica senza alcun confronto e dialogo con l’opposizione.
PER COSTRUIRE L’ALTERNATIVA CULTURALE E POLITICA a questo sistema di potere, il Centro Moderato – Partito della Nazione HA DATO MANDATO AL COORDINATORE, PROF. WOJTEK PANKIEWICZ, di incontrare nei prossimi mesi gli ordini professionali, le organizzazioni sindacali, il mondo dell’associazionismo, in modo che la conferenza programmatica, già insediatasi nello scorso mese di settembre e che ha pure realizzato due convegni presso l’Hotel President, possa concludere i lavori elaborando un nuovo progetto di città ed il programma elettorale in vista delle elezioni amministrative della primavera 2012, che dovranno determinare l’attesa svolta, dando inizio a una nuova stagione politica, di intensa operosità amministrativa.”

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

nove + 13 =