“Il fatto stesso che a replicare ad una critica politica, legittimamente espressa dalla consigliera Paola Povero, non sia l’Amministrazione comunale, oggetto della critica e nostro unico interlocutore istituzionale, certifica la totale latitanza di quest’ultima dalle politiche sociali.”

Lo comunica in una nota il Gruppo PD al Comune di Lecce sulle dichiarazioni del Presidente dell’Istituzione dei Servizi Sociali, Tommaso Borgia.

“Le sofferenze, il costante allargamento della fascia delle nuove povertà ed il crescente disagio sociale, oltre ad essere costantemente evidenziati da tutti gli operatori del settore, sono sotto gli occhi di tutti, così come è sotto gli occhi di tutti l’immobilismo del Governo cittadino nelle politiche di contrasto a questi fenomeni.
Il Partito Democratico ed il suo gruppo consiliare a Palazzo Carafa, invece, hanno da sempre le politiche sociali al primo posto della propria agenda politica e, conseguentemente, denunciamo da sempre l’inadeguatezza della scelta di delegare quella che dovrebbe essere la principale competenza di un’Amministrazione comunale ad un inutile e costoso carrozzone politico, quale l’Istituzione dei Servizi Sociali rappresenta.
Ribadiamo che, in quanto gruppo d’opposizione in Consiglio comunale, il nostro unico interlocutore è il Governo cittadino, lo stesso che dovrebbe essere anche l’unico interlocutore del Presidente dell’Istituzione dei Servizi Sociali. È da considerarsi del tutto gratuito, quindi, l’intervento del Presidente Borgia, in quanto si va ad intromette in una discussione politica che non compete alla carica che occupa.
Riteniamo, infine, squallidi gli insulti rivolti a Paola Povero, la cui assoluta irreprensibilità è testimoniata molto chiaramente dalla sua storia, personale e familiare.”

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

4 × cinque =