Il gip del Tribunale di Lecce Carlo Cazzella ha concesso gli arresti domiciliari a Vittorio Colitti, l’agricoltore di 67 anni accusato di aver ucciso a coltellate il 15 giugno 2008 il consigliere comunale dell’Idv di Ugento (Lecce) Giuseppe Basile.

Il provvedimento e’ stato disposto per l’aggravamento delle condizioni di salute dell’uomo, cardiopatico. Lo scorso 28 dicembre i giudici minorili leccesi hanno assolto dalla stessa accusa il nipote omonimo di Colitti, all’epoca dei fatti minorenne. All’origine dell’omicidio, secondo l’accusa, ci sarebbero stati rancori tra Colitti e la vittima.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.