“L’esclusione degli Atenei del Sud dal Consiglio direttivo dell’Anvur, l’agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca, è l’ennesima prova di quanto stiano a cuore a questo Governo le sorti del Mezzogiorno d’Italia”.

Lo ha detto il coordinatore provinciale Udc-Lecce, on. Salvatore Ruggeri, commentando la notizia delle nuove nomine dell’Agenzia incaricata di giudicare la qualità degli atenei e degli enti di ricerca italiani.
L’on. Ruggeri si è detto solidale con la conferenza dei presidi di Lettere e Filosofia e delle associazioni accademiche degli archeologi, degli italianisti, dei filosofi e di tutte le altre materie umanistiche, auspicando che il provvedimento, che ancora deve ottenere il parere delle Commissioni parlamentari ed essere autorizzato con decreto del Presidente della Repubblica, possa essere rivisto con l’inserimento di esponenti degli atenei del Sud.
“È evidente che gli interessi del Nord e della Lega prevalgono nelle scelte dell’esecutivo guidato dal Presidente Berlusconi – ha sottolineato il deputato Udc – Chi sostiene il contrario si arrampica solo sugli specchi. Nell’elenco approvato dal Consiglio dei ministri non compare nessun nome di docenti delle università meridionali. Auspichiamo – ha concluso l’on. Ruggeri – che si voglia mettere rimedio a questa clamorosa esclusione, inserendo a giusto titolo i docenti degli atenei del Sud tra le nomine dell’Agenzia di valutazione”.  

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

cinque × 1 =