“Questa mattina in Commissione è emerso chiaramente che il Governo Vendola ha deciso la chiusura degli ospedali pugliesi senza il benchè minimo confronto con il territorio.” Lo dichiara il capogruppo del Pdl, Rocco Palese.

“Molti Sindaci hanno denunciato che interi territori resteranno privi di assistenza dopo le chiusure. Per essere messi nelle condizioni di esaminare nel dettaglio e discutere il Piano dei tagli, abbiamo quindi chiesto al Presidente della Commissione Sanità, di far trasmettere alla Commissione, copia dell’intera documentazione istruttoria del DDL e dei provvedimenti regolamentari relativi”. Lo rende noto il capogruppo del Pdl, Rocco Palese, che aggiunge: “Tutti ricorderanno quando la gloriosa prima Giunta Vendola nel 2006 faceva i tour dell’ascolto in tutti gli ospedali pugliesi promettendo di restituire il maltolto e riattivare tutti i reparti. Tutti ricorderanno anche che a Campi Salentina, solo per non aver ancora rispettato gli impegni del 2005, Vendola fu contestato da Rifondazione Comunista. Nel chiederci come mai oggi i suoi vecchi compagni di partito non gli chiedano conto addirittura della chiusura dell’ospedale, ci auguriamo che tra la documentazione richiesta oggi alla Commissione, ci sia traccia di quanto Vendola e compagni andavano ascoltando in giro per gli ospedali nelle loro passerelle politico – elettorali. Oggi, a 5 anni da quei tour in cui prometteva di riaprire i reparti, Vendola decide di chiudere interi ospedali, ben 18 in tutta la Puglia. Noi contestiamo aspramente questo Piano; come abbiamo detto e proposto in Consiglio regionale, per salvare tutti gli ospedali, a Vendola basterebbe tagliare dell’1% le spese per beni e servizi ed eliminare le spese non sanitarie. Invece ha deciso di confermare tutti gli sprechi e le clientele, di inserire il ticket di un euro a ricetta pure agli esenti, di aumentare le tasse regionali e tagliare solo i servizi ai cittadini”.