L’inno nazionale, in un’Aula all’insegna del bianco rosso e verde: il Consiglio regionale della Puglia ha indossato il tricolore per celebrare l’unità d’Italia, nella prima seduta del 2011, anno giubilare che ricorda i 150 trascorsi dal 17 marzo del 1861.

Il presidente Onofrio introna ha avviato i lavori invitando i consiglieri ad ascoltare “in piedi e in silenzio”, le note del maestro Novaro. Nella sala consiliare, una grande bandiera a lato della presidenza e bandierine tricolori sui banchi centrali e su quelli della maggioranza e dell’opposizione. Nell’emiciclo campeggiano riproduzioni del logo ufficiale delle celebrazioni del 150° anniversario dell’unità (tre tricolori stilizzati a rappresentare i tre anni giubilari: 1861, 1961 e 2011), autorizzato dalla Struttura Tecnica di Missione istituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Da questa seduta, i commessi d’Aula esibiranno un nastrino tricolore. Con l’inno nazionale, caratterizzerà tutte le sedute del 2011.
“Nell’anno che celebra l’unificazione del Paese – ha dichiarato Introna – oltre ad aderire all’invito del presidente della Repubblica di celebrare l’unità nazionale come ‘premessa’ per affrontare al meglio le sfide in campo internazionale, il Consiglio regionale pugliese vuole confermare l’aspirazione a crescere unito in un Paese unito, celebrando l’identità nazionale attraverso i suoi simboli: la bandiera, i tre colori, l’inno di Mameli. E questo significa, tra l’altro, ricordare il contributo dei pugliesi alla storia nazionale ed anche, con i propri emigranti, all’altra unificazione nella quale il Paese si riconosce: quella europea”

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.