La celebrazione in onore di S. Sebastiano è un’occasione  per illustrare l’attività della Polizia Municipale dell’anno appena trascorso ma anche di riflettere sulle problematiche presenti  in una prospettiva di miglioramento  della qualità della vita e della sicurezza nel contesto urbano.

Dall’analisi delle relazioni delle varie sezioni che compongono la Polizia Municipale sono emersi dei dati che vanno letti con molta attenzione.

Possiamo in generale dire che gli obiettivi prefissati all’inizio dell’anno sono stati raggiunti e più precisamente:
Una attenzione particolare merita l’attivitàdell’infortunistica stradale.
Difatti  è emerso come il numero degli incidenti stradali nel corso del 2010 sia diminuito rispetto all’anno precedente dell’8,55 %, con 855 incidenti totali di cui 560 con feriti e 288 con soli danni ai veicoli, rilevando una leggera controtendenza rispetto agli anni precedenti allorquando il numero degli incidenti era aumentato.
È rimasto invariato il numero degli incidenti con esito mortale, vale a dire 7.
Sono dati che fanno riflettere da porre come punto di partenza per l’attività dell’anno in corso.

A dicembre scorso la sezione di Infortunistica Stradale è stata dotata di un analizzatore digitale portatile per la misurazione del tasso alcolemico e con  il defibrillatore viene garantito anche il primo soccorso.
L’interazione tra la Polizia Municipale e le altre forze dell’ordine si è concretizzata attraverso  l’attuazione di una serie di iniziative, volte al controllo del territorio, a garanzia dell’ordine e della sicurezza pubblica, grazie anche al finanziamento da parte dell’Amministrazione comunale di progetti obiettivo denominati “Progetto Sicurezza” svolti in orario notturno (22.00 – 04.00).
Durante il periodo di apertura delle scuole è stato anche garantito il servizio di controllo, in entrata ed uscita, degli edifici scolastici, a tutela degli alunni.

Nel 2010 gli operatori di P.M. e gli Ausiliari del Traffico hanno accertato complessivamente oltre 64.000  infrazioni al codice della strada.
Per quanto concerne invece le violazioni in materia commerciale, i Regolamenti e le Ordinanze sono state accertate complessivamente 589 violazioni.

Sono state regolarmente effettuate le esercitazioni annuali di Tiro con l’arma d’ordinanza, obbligatorie per gli operatori di polizia.

L’attività del Nucleo di Polizia Commerciale ha determinato 1150 interventi finalizzati al controllo ed all’accertamento delle violazioni sia in materia di commercio in sede fissa e ambulante, che nei pubblici esercizi, spettacoli viaggianti, ecc., con oltre 400 verbali elevati.
Particolare attenzione è stata posta in occasione delle vendite straordinarie (liquidazioni, saldi, promozioni, ecc.) e nel contrasto alla vendita di beni contraffatti, a tutela e garanzia del consumatore, con la effettuazione di 57 sequestri per merce contraffatta.
Una importante attività di prevenzione e repressione è stata messa in atto da parte della polizia commerciale con un proficuo lavoro sinergico con il Comando Provinciale di Guardia di Finanza nell’ambito dell’abusivismo commerciale.

Il Nucleo di Polizia Ambientale ha effettuato 1172 interventi, sia su richiesta del Settore Ambiente del Comune che su istanza dei cittadini, ovvero da normali controlli del territorio, con un incremento del 11,30% rispetto allo scorso anno, che in alcuni casi hanno portato alla denuncia del trasgressore alla Procura della Repubblica.
Sono stati elevati complessivamente 181 verbali per violazioni alla normativa sull’ambiente.
Non è stata tralasciata l’attività  d’iniziativa e quella propulsiva per migliorare il servizio svolto e per la sensibilizzazione degli utenti in materia ambientale.
Si è proceduto a contrastare altresì l’abbandono ed il deposito incontrollato dei rifiuti speciali sul suolo pubblico ed in particolar modo di pneumatici fuori uso nelle aree delle isole ecologiche, ahimè luogo questo ritenuto idoneo quale discarica.
Si è svolto un servizio in abiti civili volto ad un’attività di ispezione presso gli artigiani – gommisti vulcanizzatori: dai controlli sistematici posti in essere, sono state accertate svariate omissioni di tenuta dei registri di carico e scarico degli pneumatici fuori uso ed è stato trovato addirittura un esercizio abusivo (da sei anni) dell’attività di gommista.
Nello spirito di collaborazione sono stati incentivati i rapporti con le Associazioni di Categoria delle imprese produttrici di rifiuti, con la Polizia Provinciale, il Noe, l’Arpa, Associazioni ambientaliste, ASL, ecc..

L’attività di controllo sugli abusi edilizi ha prodotto 142  sopralluoghi, 40 notizie di reato e 13 sequestri.
In generale vi è stato un aumento dei sopralluoghi e delle notizie di reato pari al 60% rispetto all’anno precedente.
Tuttavia bisogna sottolineare che il fenomeno dell’abusivismo edilizio, preponderante soprattutto sulle marine, è considerato incredibilmente tenue, tanto che il reato commesso non comporta reazioni di riprovazione sociale per rilevanti quote della popolazione, e questo malcostume non fa altro che continuare a danneggiare l’economia, il paesaggio e la cultura della legalità e del rispetto delle regole.
Personale del nucleo di Polizia Edilizia nel periodo aprile – giugno 2010, ha effettuato una serie di controlli sulle plance pubblicitarie pubbliche. Sono state controllate circa 500 plance pubblicitarie di mt. 3 x 6.

Il nucleo di polizia tributaria ha effettuato 320 accertamenti (TOSAP – ICI – TARSU) e comminato 105 sanzioni amministrative per violazioni alle norme ed ai regolamenti.

Con provvedimento di Giunta Comunale è stata approvata la bozza del Protocollo di Intesa per la realizzazione di un Sistema Informativo Sanzionatorio Amministrativo delle Prefetture il cosiddetto SANA.
Il sistema in questione permette di inviare i ricorsi telematicamente e non più tramite cartaceo con una risposta concreta in termini di efficienza, efficacia ed economicità.
Inoltre, con deliberazione di G.C. , sono stati approvati i criteri ed il piano delle attività da porre in essere per una maggiore razionalizzazione della dotazione, utilizzo e rinnovo del parco veicoli di servizio rispondenti a esigenze di tutela dell’ambiente e di economicità della spesa.

È stata già approntata da questo Settore una bozza di “Patto per la sicurezza”, un documento importante che cristallizza una serie di intenti a tutela del territorio urbano e dei cittadini, da sottoscrivere tra il Sindaco di Lecce ed il Prefetto di Lecce.

È già stato predisposto Il Regolamento relativo alle sanzioni amministrative  ed inviato alla competente Commissione Consiliare. A breve lo stesso sarà sottoposto al Consiglio Comunale per la relativa approvazione.
Per quanto riguarda l’aggiornamento e la formazione del personale sono stati impegnati 10.000,00 euro per la realizzazione in – house per due corsi:
–    Un Corso di polizia giudiziaria che costituisce un appuntamento fondamentale per l’aggiornamento del Corpo di polizia municipale e riguarda più in dettaglio: gli atti di Polizia Giudiziaria – accertamenti urgenti, atti irripetibili atti di sequestro ecc.
–    Un Corso di difesa personale.
Tutti gli operatori di P.M. appartenenti al Corpo hanno avuto la possibilità di partecipare alle suddette attività formative.
In definitiva l’anno appena trascorso ha confermato ancora una volta che la polizia municipale con il suo impegno costante e continuo,  affronta e risolve con merito e puntualità tutti i compiti e le incombenze assegnate registrando un notevole incremento in termini di efficienza ed efficacia.
Tuttavia occorre precisare che il 2010 si è contraddistinto per il ruolo centrale che hanno avuto due importanti obiettivi:
la sicurezza urbana  e la sicurezza stradale.

Per quanto riguarda la sicurezza urbana non si può non sottolineare come la messa in funzione delle 52 telecamere, grazie al finanziamento che il comune di Lecce ha ottenuto dal PON sicurezza  progetto del ministero dell’interno, abbia offerto una maggiore tutela ai cittadini. Difatti il sindaco e quindi operativamente la polizia municipale, costituiscono un punto di riferimento alla cittadinanza in tema di sicurezza urbana.
È innegabile che stiamo vivendo un momento storico di grandi cambiamenti nell’ambito delle politiche sulla sicurezza, con l’emanazione di provvedimenti legislativi che hanno spostato il baricentro delle responsabilità in questa delicata materia sempre più verso i poteri locali.
Alla luce della nuova normativa, il tema della sicurezza non si completa ed esaurisce solo negli aspetti, pur fondamentali, della tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, ma investe in generale la qualità della vita e delle persone residenti sul territorio.
Di conseguenza, con la costituzione ex novo della sala operativa, con la presenza di almeno due operatori h/24, ha determinato un diverso assetto organizzativo del comando di polizia Municipale, sia in termini di razionalizzazione delle risorse che di rispondenza alle diverse esigenze della cittadinanza.
Comunque l’effetto deterrente è ormai un dato acquisito atteso che dal luglio scorso ad oggi, l’unico episodio di vandalismo degno di nota nel centro storico si è verificato qualche giorno fa con la distruzione delle fioriere da parte di 3 soggetti presumibilmente sotto l’effetto di sostanze alcoliche, episodio ripreso dalle telecamere e allo stato si sta lavorando per l’esatta identificazione dei predetti responsabili.
L’entrata in funzione del sistema di rilevamento elettronico delle infrazioni nel centro storico, ha determinato una notevole diminuzione del traffico veicolare soprattutto nelle ore notturne, causa di continue e frequenti richieste di intervento da parte dei residenti.
Non solo ma bisogna registrare che la presenza delle telecamere con un costante e pressante controllo nelle zone della stazione ha determinato un azzeramento del fenomeno della prostituzione nella predetta zona.
Fondamentale in questo senso è l’implementazione di nuove unità nel Corpo della Polizia Municipale, anche in considerazione che il servizio della polizia Municipale copre l’arco delle 24 h.
Per quanto riguarda la sicurezza stradale l’attività della polizia Municipale non può non essere rivolta verso una pressante quanto assidua campagna sulla sicurezza stradale.
Siamo consapevoli che su questo tema il punto focale è comunque l’attività di prevenzione e informazione.
Se infatti è necessario un incremento dei controlli su strada, è strategico un nuovo approccio alla formazione.
È fondamentale agire sui comportamenti della persona per favorire così una nuova percezione della pericolosità della strada per una guida sempre più responsabile.
Solo con una puntuale e assidua campagna di sensibilizzazione e prevenzione si può sperare di raggiungere l’obiettivo che si è imposto la Comunità Europea, ovvero, di dimezzare entro il 2010 il numero delle vittime della strada.
La formazione deve iniziare necessariamente dai banchi di scuola con una programmazione scolastica dove rendere obbligatori i corsi  sull’educazione stradale.
E anche in questo senso stiamo realizzando un progetto di educazione stradale nelle scuole   dove sono stati coinvolti tutti i dirigenti scolastici delle scuole medie inferiori della città (Ascanio Grandi, Quinto Ennio, Zimbalo, Dante Alighieri, Galateo e Scipione Ammirato), per affrontare le problematiche più importanti in ordine alla sicurezza stradale e approntare un piano strategico da sviluppare con gli alunni delle scuole medie inferiori.
Peculiarità di questo progetto è che non si esaurisce con una serie di incontri per parlare delle solite cose, cioè dei comportamenti da tenere sulla strada o di spiegare questo o quel divieto, ma è quella di un continuo e costante rapporto con gli alunni per far sì che gli stessi prendano sempre più atto di una diversa coscienza e di un generale rispetto delle regole. Cosi, è stata programmata e realizzata nel mese di dicembre la giornata sulla sicurezza stradale nelle scuole e tutti gli alunni delle stesse hanno proposto disegni, redatto temi e vignette per esprimere un pensiero e un messaggio sulla sicurezza stradale. Purtroppo, bisogna constatare come questi messaggi positivi hanno avuto poca attenzione da parte della stampa locale.
E’ sulla base di questi presupposti e propositi che vogliamo continuare, sviluppando quell’apporto che si sta delineando fortissimo tra istituzioni e cittadino e nel nostro caso tra la polizia municipale e il cittadino, che non sono collocati su posizioni diverse,  ma che insieme possono determinare l’ottimale funzione che a noi spetta e che è patrimonio di tutti.

Quest’anno sarà un anno fondamentale per la riorganizzazione interna in quanto si procederà alla predisposizione di un nuovo regolamento del Corpo per dotarlo di una struttura meglio rispondente alle rinnovate esigenze di una città sempre più protagonista sulla scena nazionale ed internazionale.

Una attenzione particolare dobbiamo dedicarla anche al rapporto con i mezzi di informazione, strumenti fondamentali per far conoscere la nostra attività all’esterno che sottolineo non è solo rivolta  alle cosiddette multe, come ormai nell’immaginario della gente, ma sempre più al contatto con la cittadinanza per costruire una società cosciente del rispetto delle regole.
Avviandomi a conclusione voglio esprimere un sentito ringraziamento alla Magistratura con la quale si è instaurato un proficuo rapporto di collaborazione non solo istituzionale e a tutte le altre forze dell’ordine.
Particolare ringraziamento rivolgo agli atleti del gruppo sportivo della polizia municipale  che, grazie alla loro proverbiale passione per lo sport, hanno contribuito, con notevoli sacrifici, a dare lustro all’intero corpo ed alla città di Lecce, ottenendo risultati di prestigio sia in campo nazionale che internazionale.
Un ringraziamento e un saluto speciale mio personale e di tutto il corpo a tutti i vigili in pensione e in particolar modo, al M.llo Edoardo DE CILLIS che per raggiunti limiti d’età è stato collocato in pensione, che con la loro dignità hanno fatto diventare la polizia municipale quella bella realtà che conosciamo.

Agli ausiliari del traffico e ai dipendenti della S.g.m che con il loro apporto hanno contribuito e sicuramente contribuiranno ad  una più disciplinata regolamentazione della sosta in città.
Ringrazio altresì  i sindacalisti perchè anche con il loro contributo si migliorerà l’attività della P.M.
Ed infine un grazie  sincero ai  miei collaboratori, ufficiali, sottufficiali, agenti e  personale amministrativo per la loro preziosa e continua opera quotidiana e per il bel rapporto umano e professionale che ci lega da sempre.

SALUTO

Autorità, sig Sindaco, colleghi, signore e signori, consentitemi di rivolgere un cordiale ringraziamento a nome di tutto il Corpo di Polizia Municipale e mio personale all’Amministrazione Comunale e in particolare al sig. Sindaco Paolo Perrone e a tutti i presenti che come da tradizione, con la loro graditissima partecipazione, rendono onore al nostro patrono San Sebastiano.
Un deferente saluto rivolgo a S.E Mons. Domenico D’Ambrosio che  con la consueta disponibilità ha celebrato per noi la Santa Messa.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

19 + 6 =