I Sindaci dell’area  Sud di Brindisi e Nord di Lecce e precisamente l’Avv. Pasquale Rizzo (San Pietro V.co), Dott. Del Coco Giovanni (Torchiarolo), Dott. Gianni Marra (Squinzano), Dott. Domenico Serio (San Donaci), Dott. Domenico Francone (San Pancrazio Salentino) e l’Avv. Francesco Cascione (Cellino San Marco), avvertono l’esigenza di evidenziare alcuni aspetti importanti per il giusto contributo nell’ambito delle problematiche connesse alla rideterminazione della rete ospedaliera

La “road map” ha modificato quanto previsto nella DGR 2791/2010 e dunque non conforme alle linee tracciate dalla predetta e agli atti ad essa consequenziali.
Pertanto, i Sindaci hanno sottoscritto un documento che hanno inoltrato al Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ed a tutti i massimi esponenti della Sanità pugliese invitando gli amministratori regionali ad essere più sensibili ed attenti alle esigenze del territorio nel piano di riorganizzazione della rete ospedaliera.

Il trasferimento a Brindisi dei reparti di Psichiatria e di Pneumologia presenti in San Pietro Vco è univoco e non si comprendono i criteri di tale scelta; il territorio è ad elevata criticità ambientale, la presenza delle centrali Enel ha notevolmente aumentato la mortalità di cancro e le malattie respiratorie, per cui la decisione di uno spostamento è un danno incalcolabile alla comunità.
I Sindaci dell’area Sud di Brindisi e Nord di Lecce unanimi sentono la necessità di differire ogni decisione in merito a trasferimenti. L’ospedale di San Pietro Vernotico abbraccia tutta l’area Sud di Brindisi e anche quella a Nord di Lecce pertanto lo spostamento dei reparti sarebbe un dramma  ulteriore per l’intero territorio.
Nei prossimi giorni si terrà un consiglio monotematico sulla sanità per discutere i punti di cui sopra.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

18 − nove =