Oltre 1 milione e 600 mila euro di base imponibile e 254 mila euro di imposta sul valore aggiunto sottratti alle casse dell’Erario. Questo è il risultato di una verifica fiscale condotta dalla Guardia di Finanza di Lecce nei confronti di un’impresa della provincia

operante nel settore del noleggio di macchinari per la costruzione e la demolizione.

Sottoposta a verifica fiscale per gli anni 2007 e 2010, l’azione di controllo dei Finanzieri si è rilevata alquanto complessa, in quanto il legale rappresentante aveva occultato le scritture contabili allo scopo di ostacolare la ricostruzione del proprio volume d’affari e quindi sottrarsi al pagamento delle imposte.

Tuttavia le Fiamme Gialle sono comunque riuscite a risalire alle aziende che avevano intrattenuto rapporti con l’impresa ed a rilevare una evasione complessivamente pari a 1 milione e 620 mila euro, con conseguente violazione alla disciplina dell’Imposta sul Valore Aggiunto per oltre 253 mila euro.

Il legale rappresentante della società è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per  l’occultamento della documentazione amministrativo-contabile, per il quale reato è prevista una pena fino a cinque anni di reclusione.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre + dodici =