Una inchiesta per truffa aggravata e’ stata avviata dalla guardia di finanza nei confronti di una associazione onlus di Lecce, Angeli Azzurri, che raccoglie fondi per l’assistenza a bambini colpiti da gravi malattie.

Secondo l’accusa, l’associazione avrebbe destinato realmente allo scopo dichiarato solo una piccola percentuale del denaro raccolto. Il presidente dell’associazione (che ha diramazioni in varie regioni d’Italia), un uomo di 63 anni di Taranto, e’ indagato per truffa aggravata in concorso con altre persone. L’uomo ha precedenti penali sempre per truffa. Secondo le verifiche compite dai finanzieri, tra il 2005 e il 2008 l’associazione avrebbe raccolto 532.000 euro con versamenti su conti correnti bancari e con salvadanai esposti in moltissime attivita’ commerciali ma avrebbe destinato solo 28.500 euro, poco piu’ del 5%, all’assistenza ai bambini malati.

I finanzieri ritengono che la cifra raccolta sia stata in realta’ di molto superiore poiche’ non e’ possibile quantificare tutto il denaro drenato con la raccolta fatta tramite centinaia di salvadanai con le foto di bambini malati esposti nei negozi. Le indagini continuano anche perche’ l’attivita’ della associazione prosegue.