Approvato il nuovo bilancio di previsione per l’anno 2011. Una vittoria per lo Sport pugliese che vedrà stanziati 2,5 milioni di euro a fronte dei soli 500mila euro iniziali. La notizia, di questi giorni, getta un pò di luce là dove, fino a qualche tempo fa, l’ avevamo visto davvero buia.

La somma preventivata di 500mila euro aveva, infatti, scoraggiato il mondo dello sport pugliese e le tante associazioni sportive che, in quei fondi, avevano sperato per la realizzazione di tanti e diversi progetti, alcuni dei quali di grande rilevanza (e torniamo a ripeterlo) anche sociale. La denuncia era partita dal manager tarantino Elio Dalto, Vicepresidente Vicario della Commissione Regionale allo Sport dei Giovani UdC e anche referente per la legge regionale sullo sport del CIP (Comitato Italiano Paralimpico) Regionale che, nei mesi scorsi, avuta la notizia dell’inesistenza dei fondi per lo sport peraltro già stanziati dalla Regione, aveva apertamente chiesto spiegazioni a riguardo allertando l’intero mondo sportivo pugliese sul problema di non poco conto.

Con  Dalto nella denuncia  avevano fatto sentire la propria voce anche Sergio Adamo, Coordinatore Nazionale per il Mezzogiorno dei Giovani UdC ed il Coni Regionale nella persona del suo Presidente Elio Sannicandro i quali avevano denunciato, con toni anche forti, il disinteresse dimostrato dal Governo Pugliese al mondo dello Sport. Oggi la notizia giunge a confortare chi per quella causa si era tanto battuto. Le pressioni di Dalto, Adamo e del Presidente Sannicandro hanno portato la Regione a modificare il bilancio del 2011 rivedendo la cifra prevista di 500mila euro e portandola a 2,5 milioni di euro. Il nuovo bilancio rappresenta non solo la vittoria degli “addetti ai lavori” che vedranno di nuovo possibile la realizzazione dei propri progetti ma dimostra anche la volontà del Governatore Vendola di voler rimediare ad un errore che sarebbe costato tanto alle oltre 9.000 società sportive che operano in Puglia e che avrebbero perso davvero moltissimo.

“Abbiamo fatto sentire la nostra protesta perchè noi crediamo nello sport e nelle sue grandi potenzialità” ha commentato Dalto “e crediamo nella nostra Puglia e vogliamo poter fare tanto per lei. Sapevamo di subire un gran torto e non potevamo non denunciare la cosa. Sono contento che questo sia servito a smuovere le coscienze di chi è sopra di noi e ha il dovere di tutelarci. Ora possiamo davvero rimetterci a lavoro”. Positive anche le conclusioni  del Presidente Sannicandro che ha commentato “Si è compreso, insomma che penalizzare lo sport significa impedire il recupero dei giovani dal disagio sociale, ma soprattutto impedire ai bambini pugliesi di migliorare la propria qualità di vita”. I finanziamenti per lo sport rappresentano, infatti, la possibilità per adulti, bambini ma non solo,anche disabili di partecipare a progetti sportivi per loro creati con la conseguenza di una  crescita sociale e personale che solo lo sport sa e può dare.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

2 × 5 =