”I punti di divergenza riguardano la nostra idea di modernita’. Ma sulla costruzione di un’alleanza larga non pongo veti. Pero’ ci vuole una bussola e la questione morale ne e’ il primo punto”.

E’ quanto dice a Repubblica il leader di Sel, Nichi Vendola, secondo cui Walter Veltroni sbaglia nel giudizio su Sergio Marchionne. ”Per Veltroni – spiega – e’ un’icona della modernita’; per me propone un capitalismo autoritario”. Vendola si dice poi non d’accordo su un governo di transizione. ”Piuttosto – afferma – si torni presto alle urne: questa e’ una vera necessita’ democratica”. ”Per me le primarie sono un valore aggiunto – osserva invece Vendola sulle consultazioni interne agli schieramenti -. Cancellarle renderebbe molto debole la figura del candidato premier”. Alla domanda se preferirebbe sfidare Veltroni o Bersani, Vendola replica: ”Mi piace discutere delle loro idee piuttosto che dare giudizi sbrigativi come qualche volta il Pd fa nei miei confronti”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

11 − 10 =