“Saranno gli abitanti di Lecce, Trepuzzi e Squinzano ad esprimersi, attraverso un apposito referendum, sul passaggio della marina di Casalabate dal comune di Lecce ai comuni di Trepuzzi e Squinzano. A stabilirlo la VII Commissione della Regione Puglia, che ha licenziato all’unanimità la proposta di legge che modifica la n. 6/2010 Marina di Casalabate: ‘modifica delle circoscrizioni territoriali dei comuni’, a firma dei consiglieri regionali

della provincia di Lecce”. Soddisfazione, in questo senso, è stata espressa dal consigliere regionale di “Moderati e Popolari” e componente della VII Commissione, Antonio Buccoliero.
“Si tratta di un percorso obbligato – ha dichiarato Buccoliero – che finalmente mette fine ad anni e anni di trascuratezza di una marina che, negli anni ’60, ha rappresentato un punto di riferimento per l’estate salentina. Un’occasione, quella del referendum, per coinvolgere le popolazioni di Lecce, Trepuzzi e Squinzano in un percorso di rilancio e di valorizzazione non solo della marina di Casalabate, ma di un intero territorio, che può puntare su una crescita turistica fatta di attenzione, di cura e di qualità ambientale e di vita”.
“Casalabate da sempre marina per eccellenza dei comuni del nord Salento – sottolinea l’esponente MeP – può tornare a recitare un ruolo di primo piano nella crescita di tutto un territorio, abbandonando una situazione di abbandono, abusivismo e arretratezza, che l’ha ingiustamente penalizzata, relegandola al ruolo di Cenerentola delle marine leccese”.
“Oggi, in VII Commissione – ha concluso Buccoliero – è stato dato ufficialmente il via ad un percorso storico, destinato a riscrivere la storia di Casalabate e dei suoi abitanti”.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.