I Finanzieri della Compagnia di Gallipoli, nel corso di un controllo in materia di “Accise”, hanno individuato un deposito di bombole non autorizzato e sprovvisto del certificato di prevenzione incendi, ove erano stoccati ben 640 chili di GPL.

Il deposito, costituito da un’area di 2.500 mq. circa, seppur situato in aperta campagna, nella periferia di Casarano, era a ridosso di una strada provinciale ad alta densità di traffico e costituiva, quindi, un pericolo per l’incolumità pubblica, in quanto sprovvisto dei prescritti sistemi di sicurezza e di impianto antincendio.

Oltre ai 640 Kg di GPL, contenuti in 32 bombole di varia capacità, nell’area erano stoccati anche ulteriori 106 contenitori di gas vuoti, ma non per questo meno pericolosi. Tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.

I conduttori del deposito, due soci di un’impresa dedita alla distribuzione di gas per uso domestico, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Lecce per aver omesso di denunciare all’Autorità competente la detenzione di materie esplodenti e/o infiammabili.