“Nessuno di noi ha mai chiesto di entrare nel Pdl, quindi trovo quanto mai singolari e per alcuni versi divertenti le diverse prese di posizione e le relative levate di scudi dei rappresentanti di quel partito che si susseguono in queste ore”. Lo afferma il capogruppo di Io Sud al Comune dei Lecce Francesco Cazzella che precisa: “non elemosiniamo niente a nessuno, questo deve essere chiaro”. Tanto rumore per nulla, anzi tanto terrore per nulla.

 Perché di questo parliamo, di qualche esponente che sembra quasi terrorizzato e che si arrocca nelle sue posizioni chiedendo chiarezza a destra e a manca.
“Io Sud  va per la sua strada”– spiega Cazzella –  e la sua strada è ben precisa  e coerente, così come da due anni abbiamo dimostrato. Io Sud è, e resterà sempre, un partito territoriale a difesa e tutela delle esigenze dello stesso, quindi le nostre alleanze politico-elettorali saranno sempre indirizzate verso chi  accetta le linee programmatiche del nostro partito che si prodiga per il nostro territorio.

In tutta questa vicenda un plauso va a Mantovano e Quagliariello i quali sanno bene che la politica è l’arte dell’inclusione e della condivisione e non della “sindrome dell’autosufficienza” che ha fatto solo danni a tutti.  E’ con questo spirito, ad esempio, che la voce di Io Sud, attraverso l’azione parlamentare di Adriana Poli Bortone, è stata ascoltata e condivisa anche dal Governo centrale, nel momento in cui è stata accolta la nostra richiesta sulla territorialità dell’imposta in tema di federalismo municipale”. Un traguardo importante per il nostro partito nell’ ottica del rilancio e dello sviluppo del Mezzogiorno, un’ ottica che oggi altri politici stanno se non condividendo quanto meno apprezzando”

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due + 4 =