Si è svolta oggi, a Palazzo Adorno, la  presentazione del Centro internazionale di cooperazione culturale (CICC) e del Programma delle attività che svilupperà nei prossimi mesi nella provincia di Lecce. Il Centro inaugura sabato 26 febbraio la propria sede operativa per il Salento a Martignano, nei locali dell’ex Palazzo comunale in via Palmieri

 messi a disposizione dall’Istituto di culture mediterranee della Provincia di Lecce, con la giornata di studi su “Minoranze linguistiche e diversità culturali”, (a partire dalle 9.30), dove sono state invitate le amministrazioni comunali delle tre aree linguistiche presenti in Puglia: la arbereshe, la grecanica e la franco-provenzale. Alle ore 18.30 il brindisi d’onore di inaugurazione.

Interverranno, tra gli altri, l’assessore alla Cultura della Provincia di Lecce Simona Manca, il presidente dell’Istituto di culture mediterranee della Provincia di Lecce Maria Rosaria De Lumè, il presidente dell’Associazione Italo-Ellenica di Zollino Pompeo Maritati e il professore Pierfranco Bruni, esperto della materia, collaboratore del MiBAC  e autore del libro “La Puglia arbereshe, grecanica e franco-provenzale” .

Alla conferenza stampa di oggi sono intervenuti il sindaco del Comune di Martignano Luigino Sergio, il presidente del Centro internazionale di cooperazione culturale Giulio Cesare Giordano e l’assessore  alle Politiche giovanili, Cooperazione e Pace della Provincia di Lecce Bruno Ciccarese, che ha dichiarato: “L’attività del Centro è di particolare valenza in quanto punta a dare valore e ad esaltare la presenza delle minoranze linguistiche, e delle loro peculiarità e tradizioni, presenti sul territorio salentino, realizzando una rete che collega ogni singola etnia linguistica”. 

Attivo localmente dal 2004,  operando prevalentemente in collaborazione con l’ICM in molti settori di attività (dal dialogo interculturale e interreligioso al cinema, dalla multimedialità alla promozione dell’immagine del Salento), il Centro internazionale di cooperazione culturale intende ora intensificare la propria azione a sostegno di una maggiore internazionalizzazione delle varie espressioni e realtà culturali ed economico-sociali del territorio.  

Da qui la necessità di disporre di una base operativa permanente che vada ad aggiungersi alle 14 sedi già presenti nell’area euro-mediterranea.

Altre iniziative sono in fase di avanzata realizzazione, come quella che vedrà  Lecce ospitare, dal 2 al 9 aprile, la XXIV Edizione del Festival Internazionale di programmi delle TV europee , sul tema “ Eurovisioni “ .

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

19 + 7 =