I lavori della seduta consiliare sono stati avviati dal presidente del Consiglio Onofrio Introna che, prima di passare all’esame dei punti all’ordine del giorno, ha salutato il sindaco di Cisternino e la sua delegazione, presenti in Aula alla ricerca di un’interlocuzione con il Consiglio regionale, a seguito della prevista dismissione del locale Presidio ospedaliero.

Il primo provvedimento esaminato ha visto il voto unanime di tutti i presenti.
Si tratta dell’effettuazione del referendum consultivo delle popolazioni interessate alla proposta di legge “Marina di Casalabate: modifica delle circoscrizioni territoriali dei comuni di Lecce, Trepuzzi e Squinzano”, a firma dei consiglieri regionali della provincia di Lecce.
Si è provveduto ad nuovo testo di legge rispetto a quello già approvato a febbraio del 2010, a seguito dell’illegittimità costituzionale dell’articolo in cui si prescindeva dalla consultazione popolare.
In questo modo quindi i cittadini di Lecce, Squinzano e Trepuzzi hanno la possibilità di esprimere direttamente la loro opinione sul trasferimento dell’intero territorio della Marina di Casalabate dal comune di Lecce ai comuni confinanti di Trepuzzi e Squinzano.
I consiglieri regionali salentini del Pdl Rocco Palese e Saverio Congedo hanno rimarcato il fatto  che sulla modifica delle circoscrizioni c’è stata una sintonia perfetta tra le varie forze politiche, tra eletti ed elettori e tra amministrati ed amministratori e che questa proposta rispecchia una volontà forte da parte delle comunità interessate.
Il presidente Palese ha chiesto all’assessore al Bilancio di reperire le somme necessarie per lo svolgimento del referendum. 
Il consigliere del Pdl Ignazio Zullo in sede di dibattito è intervenuto per invitare l’Assemblea a  riprendere la questione già affrontata nella scorsa legislatura, ma con scarso risultato, di rendere autonomi i Comuni di Bari Palese e Santo Spirito.  
La seduta prosegue con l’esame del disegno di legge relativo alle misure per il contenimento dei livelli di benzopirene nell’area di Taranto.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.