Foto Gabriella GnoniE’ in atto presso il Teatro comunale  “Paisiello” di Lecce la rassegna teatrale “CULTURA ED EMOZIONI” a cura del Gruppo Teatrale “Il Campanile” che da circa trent’anni si trova ad operare nella sfera culturale salentina con pièces teatrali di tipico ambiente salentino, costituito da personaggi umili, da credenze popolari e da storie senza tempo, sinonimi di un conservatorismo immobile.

L’identità di un territorio, questo è risaputo, è caratterizzata principalmente dal vernacolo e quando un gruppo teatrale predilige proprio il vernacolo come strumento di comunicazione, sono chiari ed  evidenti quegli ideali di conservazione e valorizzazione delle proprie radici culturali. E’ quanto costantemente si prefigge il Gruppo Teatrale “Il Campanile”, che trova proprio nella “commedia in vernacolo” il suo punto di forza. 
All’insegna della cultura e della tradizione salentina i componenti del Gruppo “Il Campanile” mettono in scena  opere di noti autori salentini come ad esempio quelli della rassegna in atto: Tonino Brizio, Gino Maragliulo, Menotti-Corallo; spezzoni di vita locale venati da un’arguta burlesca e a volte anche amara satira. Una vita locale, la nostra,  fatta non solo di “tarantismo” come usualmente la si suole identificare nel mondo. Una vita locale dalle ben definite connotazioni sociali, familiari e linguistiche.
Personaggi caratteristici prendono forma da un’attenta analisi di temperamenti, posture e gestualità tratti dalla quotidianità di gente comune salentina: il capofamiglia sempre quotidianamente affannato a sbarcare il lunario; l’immancabile moglie spesso ignorante e un po’ stralunata; i due giovani amanti solitamente contrastati nei loro sentimenti; il suocero (o la suocera) e la comare indiscussi e immancabili pettegoli ficcanaso della situazione e infine la figura di contrasto (il ricco, il nobile, o l’ufficiale) che crea scompiglio e sconvolge l’ordine degli eventi.
Dalla realtà alla finzione per creare una nuova realtà. Può anche darsi che a volte nello spazio in cui “si gioca a fare sul serio” non si riesca a raggiungere l’apice del puro realismo espressivo. E questo lo si percepisce solitamente in alcune performances attoriali  incerte nell’azione sulla scena, segno di una palese difficoltà ad entrare in uno stato di totale immedesimazione nel ruolo. Una lieve increspatura questa, tuttavia del tutto ammissibile se si tiene in considerazione lo spirito prettamente amatoriale dei performers, attori per diletto e non per professione (e quindi privi di qualsivoglia scuola o metodo attoriale), i quali tuttavia vantano una notevole notorietà nell’ambiente teatrale salentino e le cui rappresentazioni registrano a buon gradimento sempre  il “tutto esaurito”.
Nell’ambito del suo impegnativo e lodevole lavoro di ricerca e di recupero delle proprie radici è da annoverare anche la ormai pluriennale pubblicazione de “Lu calendaru”, un ricercatissimo calendario tutto in vernacolo,  ricco contenitore di antichi detti, ricette, usi e costumi della terra salentina. C’è da compiacersi, dunque, della passione e dell’impegno profuso da questo gruppo nel ravvivare, attraverso un capillare lavoro di studio e di ricerca  i peculiari “colori” di questa terra.
Prossime commedie in calendario nell’ambito della rassegna teatrale “Cultura ed Emozioni” a cura del Gruppo Teatrale “Il Campanile” presso il Teatro Comunale “Paisiello” di lecce:
– 31/03/2011 LU GERENTE di Gino Maragliulo
– 06/05/2011 ARCU DE PRATU di Menotti-Corallo
Patrizia Baldassarre

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

3 × 4 =