In Puglia, c’e’ stato un boom delle energie rinnovabili e delle inchieste, sia su eolico che fotovoltaico. Una decina tuttora aperte solo nel Salento. ”Stiamo valutando sia il rischio di infiltrazioni malavitose che il danno ambientale”, dice a Radio 24 il procuratore capo di Lecce, Cataldo Motta

secondo cui ”ampie zone della provincia sono coperte da pannelli, messi senza criteri. Manca un’effettiva regolamentazione e senza regole puo’ accadere di tutto, ne abbiamo parlato anche con gli amministratori regionali”, riferisce.

”Cosi’ non si puo’ piu’ andare avanti, rischiamo di trovarci tra 20 anni con colline piene di pannelli non piu’ utilizzati, che hanno prodotto solo danno ambientale”.