Altri 11 articoli approvati del disegno di legge sulla “Nuove norme in materia di bonifica integrale e di riordino dei servizi di bonifica”. E’ questo il bilancio della seduta della IV commissione consiliare, presieduta da Aurelio Antonio Gianfreda (Italia dei valori).

Gli articoli approvati fanno riferimento alle “opere di competenza privata”; alla “Natura giuridica e statuto”, alle “funzioni”; “concessioni, licenze e permessi”; “convenzioni con gli imprenditori agricoli”; “catasto”; “piano di classifica”; “pubblicazione”; “trasparenza e informazione”; “controllo di gestione”; “contributi di bonifica”.
La maggior parte degli articoli sono stati approvati dalla maggioranza e dall’UDC con l’astensione del PdL. L’art.  17 relativo al controllo di gestione  è stato approvato all’unanimità, dopo l’accoglimento di due emendamenti dell’opposizione che prevedono l’introduzione nei Consorzi di bonifica di un controllo di gestione sulla falsariga di quello già previsto per gli enti locali e la possibilità di contrarre mutui solo per la spesa per investimenti.
“L’esame del provvedimento legislativo – ha commentato il presidente Gianfreda –  prosegue con celerità grazie anche al comportamento collaborativo di tutte le forze di opposizione. D’estremo interesse l’esame dell’articolo che riguarda il controllo di gestione, adeguato con voto unanime allo strumento di controllo di cui sono dotati gli enti locali. Questo significa che nel futuro la gestione degli enti sarà sottoposta a una verifica più approfondita, con risultati che certamente avranno benefici anche per gli utenti finali con maggiore qualità, trasparenza e costi più sostenuti. Qualificante anche la norma con cui viene istituito, ove non esistente, un ufficio legale interno cui demandare la valutazione di merito sul contenzioso”.