I Giovani Democratici di Lecce  intervengono a gamba tesa su un argomento politico di forte rilevanza: il piano traffico cittadino. <Cosa fa l’amministrazione comunale per risolvere il problema del congestionamento del traffico nel centro storico di Lecce? Ad oggi solo annunci d’intervento e nessuna  buona idea messa in campo>

 dichiara Emilio Micocci, giovane democratico di Lecce <E’ assurdo che  prendere l’automobile per raggiungere la centralissima Piazza Sant’Oronzo in una qualsiasi domenica pomeriggio sia l’unica alternativa possibile. Per non parlare dell’estremo disagio nel cercare di inseguire un parcheggio che il più delle volte rimane un miraggio. Noi Giovani Democratici ci domandiamo se non sia opportuno pensare ad un uso più razionalizzato delle navette per collegare i parcheggi di interscambio al centro>.
Micocci continua: <Riteniamo urgente, tra l’altro, garantire un centro storico più vivibile riducendo sensibilmente il problema dell’inquinamento. Infatti non si hanno, da qualche tempo, notizie dei dati registrati dalle centraline e questa è una cosa che i cittadini vogliono e debbono conoscere, per la tutela delle nuove generazioni. Assistiamo al silenzio del governo della città sui dati mensili che ci vengono offerti dall’Arpa Puglia ed inerenti alle 4 centraline installate in città.>

L’Amministrazione comunale e Arpa Puglia hanno raggiunto un accordo con in base al quale quest’ultima monitorerà l’aria del comune di Lecce e, quindi, eseguirà la manutenzione delle centraline.  Il Comune Capoluogo è infatti proprietario di una rete di monitoraggio intergrato della qualità dell’aria composta da 4 centraline fisse installate sul territorio comunale in epoche diverse.  Sino ad oggi però, tolte la solita propaganda di maggioranza, non si riesce effettivamente a capire quale che sia la situazione nella nostra città.