Il Sindaco di Leverano Cosimo Durante continua la battaglia per il riconoscimento della
stato di calamità naturale cagionato dal violento nubifragio che la sera del 2 novembre
2010 ha colpito il Comune di Leverano al pari di tanti altri Comuni Salentini e pugliesi.

Il Governo Nazionale ha dichiarato lo stato di emergenza solo per alcune regioni italiane
prevedendo lo stanziamento di venti milioni di euro, ed escludendo la Regione Puglia da
questi provvedimenti.

In una lettera inviata a numerose cariche istituzionali il Sindaco ribadisce con forza ciò
che esattamente avvenne in quella infausta serata che provocò danni alle abitazioni
civili, alle strade e al patrimonio pubblico, ai mezzi di trasporto, ma soprattutto agli esercizi
commerciali, artigianali e alle coltivazioni agricole, annientando l’economia locale che
rappresenta la fonte di sostentamento delle famiglie.
Tale iniziativa è indirizzata a coloro i quali potrebbero rivedere i provvedimenti adottati e
disporre ogni utile azione affinché si realizzi il riconoscimento dello stato di calamità
naturale.

<< Mi auguro che questo ulteriore sollecito possa servire a risvegliare la sensibilità delle più
alte cariche dello Stato e di quanti possono intervenire, al dì la delle appartenenze
politiche, per fronteggiare i danni che questa calamità naturale ha provocato a questo
territorio e che rappresentano una ferita ancora aperta per quelle micro attività che sono
l’ossatura del nostro sistema economico. La gravità dei danni provocati è un fatto
inconfutabile. Auspico che il senso di responsabilità di ciascun rappresentante del nostro
Territorio possa far proprio l’appello che viene da parte di una comunità che già si trova a
fronteggiare una complessa e difficile situazione economica>> così dichiara Cosimo
Durante.
 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre + dieci =