“Si prevedono esodi quasi biblici. La situazione geopolitica del Mediterraneo spingerà moltissime persone ad emigrare e bisogna quanto prima mettere a punto un piano per fronteggiare l’esodo. A tal proposito credo che sia importante istituire una rete urbana di emergenza frontaliera

tra le città di Trapani, Agrigento, Ragusa, Siracusa, Catania, Messina, Reggio Calabria, Crotone, Taranto, Gallipoli e Otranto”. Lo ha sostenuto la senatrice Adriana Poli Bortone, presidente nazionale di Io Sud, secondo la quale ” in questo modo si potrebbero raccogliere subito i dati da scambiarsi in un’ ottica di mutuo soccorso, relativamente ad un censimento dell’eventuale offerta accoglienza nelle singole città e nelle aree limitrofe, al fine di costruire una rete condivisa delle strutture di accoglienza, del personale, dei volontari e delle risorse necessarie. Così facendo – sempre a parere di Adriana Poli Bortone – sarebbe possibile trasmettere in tempo reale al Governo nazionale e all’Unione Europea la vera realtà da fronteggiare. Organizziamoci prima – ha concluso – per evitare di correre ai ripari poi”.

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciannove − quindici =