“Nella ricorrenza della Giornata del ricordo, sono certo di interpretare il senso comune dell’intero Consiglio regionale della Puglia nel commemorare le vittime delle foibe e nel ricordare con sgomento l’ennesimo crimine contro l’umanità”. Sono le parole con cui il presidente dell’Assemblea pugliese

Introna celebra la ricorrenza dedicata all’eccidio di italiani nei territori sloveni e istriani, dopo l’armistizio del 1943 e alla fine della seconda guerra mondiale.
“In una giornata che ci spinge ad unirci, nel rispetto dei valori assoluti dell’umanità, assumono un alto significato le parole del Capo dello Stato, che invita al ricordo nello spirito di ‘serene e riflessive celebrazioni del 150° dell’unificazione d’Italia’. Le facciamo nostre, nell’auspicio che dalla Puglia intera si possa levare in questa occasione un ‘No’ condiviso e unitario alla barbarie della morte per odio. Mai più le foibe. Mai più i campi di sterminio e i forni crematori. Mai più qualsiasi strage. La storia ci ha insegnato, con milioni di morti e stragi di innocenti, il costo della follia delle ‘disunità’ ”.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciotto − 13 =