“Riteniamo ingeneroso verso gli elettori – comunicano in una nota il segretario provinciale, Gino Caroppo, e il coordinatore cittadino de “La Puglia Prima di Tutto” Attilio Monosi – proporre virate a freddo senza che queste siano precedute da percorsi condivisi e mea culpa ad alta voce.

Lo strappo consumato con Io Sud non ha rappresentato semplicemente una diversa visione di un programma politico e tantomeno un semplice raffreddamento di rapporti politici e interpersonali.

E’ successo qualcosa di più’ profonfo che ha rischiato di farci perdere il governo della Provincia ed ha contribuito significativamente a farci perdere le elezioni regionali. Il tutto cavalcando la critica verso la coalizione di centrodestra senza esclusione di colpi sui vertici nazionali e locali, sindaco di Lecce incluso. Non e’ cosi’ che si costruiscono le vittorie elettorali. E’ al contrario un modo per rivendicare porzioni di potere. Ma e’ inutile guardarsi alle spalle. Se in politica tutto e’ possibile, lo puo’ essere pero’ solo dopo aver ammesso ai cittadini ed agli elettori tutti di aver commesso degli errori per poi rimettersi in fila nel rigoroso rispetto delle regole di coalizione. Condividiamo la posizione del PDL che sostiene la possibilita’ di un rientro solo dopo aver lasciato tutti i governi di centrosinistra. Aggiungiamo che un ritorno deve rivestire comunque i caratteri dell’umilta’ ed una giusta e coerente graduale metabolizzazione.

Per concludere e’ il caso di soffermarsi sulla indiscutibile ricandidatura di Paolo Perrone chiamato fino ad oggi ad amministrare una citta’ sull’orlo del baratro finanziario e che senza la sua competenza, capacita’ professionale e politica farebbe il paio con la cugina Taranto.”                                              

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.