Sulla vicenda  che vede coinvolti circa 1200 lavoratori che svolgono il servizio di pulizia nelle scuole della Provincia di Lecce, è intervenuto il sindaco di Lecce Paolo Perrone. Il primo cittadino leccese ha scritto direttamente al Ministro dell’Istruzione, della Ricerca e dell’Università Maristella Gelmini

per chiedere di sbloccare la situazione visto che – a causa del mancato versamento delle somme relative all’attività svolta nel 2010, dovute dal ministero dell’Istruzione – i lavoratori non percepiscono lo stipendio da 4 mesi.
“Le chiedo pertanto – si legge nella missiva firmata dal sindaco e indirizzata al Ministro Gelmini – un Suo interessamento al fine di scongiurare eventuali provvedimenti che possano compromettere la prosecuzione dell’attività dei lavoratori, in considerazione anche del fatto che l’attività dagli stessi svolta ha notevole rilevanze ai fini della fruibilità del servizio scolastico”.   Mentre il consigliere regionale Salvatore Negro muove un’interrogazione a risposta urgente al Presidente del Consiglio Regionale Onofrio Introna, al Presidente della Giunta Regionale Nichi  Vendola e all’Assessore al Welfare – Lavoro Elena Gentile  per chiedere se la Regione Puglia ritiene opportuno mettere in atto tutte le azioni di sua competenza a sostegno dei lavoratori ex Lsu nel percorso di stabilizzazione da parte del Miur come personale Ata.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

4 × 1 =