Non ci sarà il sit-in di protesta dell’Ugl alla prima dell’opera “Il Trovatore” di venerdì prossimo: è questo l’esito dell’incontro che si è svolto oggi a Palazzo Adorno, tra la vice presidente e assessore alla Cultura della Provincia di Lecce Simona Manca, la direttrice amministrativa della Ico Tito Schipa

Grazia Manni e le rappresentanze dell’Ugl, nelle persone del segretario provinciale Antonio Verardi e del commissario provinciale Spettacolo e Comunicazione Giuseppe Landolfo.

L’incontro è avvenuto a seguito dell’istanza presentata dall’Ugl nei giorni scorsi. L’Ugl ha messo in evidenza l’esigenza di una razionalizzazione della spesa relativamente ad alcune voci di bilancio della Ico (a questo proposito invierà una nota specifica alla vice presidente per evidenziare come ottimizzare i costi di gestione in relazione a quanto si evince dall’ultimo bilancio) e la necessità di una programmazione che garantisca la copertura lavorativa per i professori d’orchestra in tutti i periodi dell’anno.

“La Provincia di Lecce e la Fondazione Ico “Tito Schipa” hanno ascoltato con attenzione le istanze rappresentate dall’Ugl ed hanno confermato un impegno costante che parte sin dall’insediamento dell’Amministrazione Gabellone. Impegno che permane e che continuerà sempre, sia nell’ambito della razionalizzazione delle spese, sia in quello di una programmazione che concili le esigenze di bilancio degli Enti e la tutela massima dei lavoratori”, dichiara la vice presidente Simona Manca.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.