Hanno arrestato l’Uomo Ragno. Già, perchè per la sua abilità di scalare le palazzine con disinvoltura, Antonio Silvestri, leccese di 41 anni, aveva guadagnato il soprannominato dell’eroe della Marvel.

Per potersi arrampicare sui palazzi, però, lui utilizzava corda e moschettone da alpinista.

In questo modo, il leccese, volto più che noto alle forze dell’ordine, riusciva a raggiungere anche i piani più alti delle palazzine, dove riusciva ad intrufolarsi furtivamente negli appartamenti, per rubare gli oggetti di valore. E per mimetizzarsi meglio nel buio della notte, vestiva sempre di nero.

L’uomo ragno, però, alla fine, è finito nella rete degli agenti della Questura di Padova, città dove si era trasferito da 10 anni, che gli hanno stretto le manette ai polsi, ponendo fine ad una serie di furti in appartamento, che andavano avanti ormai da diverso tempo. Silvestri, alias Spiderman, stava tentando di introdursi in un’abitazione nel centro storico della città padovana, quando, scoperto e minacciato dal cane di casa, è stato costretto a fuggire, calandosi dal terrazzo. Non domo, poco dopo il leccese è tornato all’attacco, cercando di sollevare la persiana di un’altra abitazione al terzo piano. L’allarme dato dal padrone di casa ha attirato in zona gli agenti di polizia, che hanno circondato la zona, illuminandola a giorno. Accerchiato, Silvestri ha in un primo momento cercato di nascondersi sdraiandosi sul pavimento del terrazzo, poi, ormai alle strette, ha gettato la spugna, calandosi con la fune dal terzo piano e consegnandosi alle forze dell’ordine. Condotto in Questura, il leccese è stato sottoposto al tampone salivare. Gli agenti, infatti, ritengono che sia l’autore di altri furti in appartamento in città.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

10 − cinque =