“Solo ed esclusivamente danni… È ciò che il Governo della Città di Lecce sta provocando alle attività commerciali e a tutti i cittadini. Si parla di incontri che l’assessorato ha organizzato con le associazioni e, a tal proposito, è bene precisare che, nell’unico incontro su tale tema, tutte le associazioni dei commercianti hanno chiesto particolare attenzione e la giusta delicatezza nell’affrontare una decisione così importante.

Ma il progetto era già bello e pronto, pertanto, dovendo studiare una “rivoluzione” del genere, abbiamo chiesto ulteriore tempo ed una serie di incontri di studio ed approfondimento e soprattutto, la condizione principale affinché tutto il piano si possa mettere in pratica: l’ultimazione del parcheggio Ex Enel e quello di piazza Ex Caserma Massa. Da novembre ad oggi nessuno ci ha interpellato”. E’ quanto lamentano i commercianti leccesi per voce del presidente Stefano Stifani. Oltre alla cancellazione di migliaia di posti auto per far spazio a corsie preferenziali inutili, secondo Stifani, e la cancellazione delle aree di sosta a pettine con la sostituzione di quelle in parallelo, c’è un punto che danneggia decine di esercizi commerciali: la chiusura di via Cavallotti. ” Nel quadrilatero perimetrato da Via 95°rgt fanteria, Via Imperatore Adriano, Via Cavallotti e Via Nazario Sauro, imprenditori che hanno investito nella loro attività tutti i loro averi e che, di punto in bianco, vedranno morire le loro attività grazie ad un Piano traffico scellerato. Non siamo in piazza S.Oronzo o nelle vie principali di passeggio, ma in viuzze che con la chiusura al traffico diverranno deserte e pericolose per gli stessi residenti”.

Intanto l’assessore al Traffico e alla Mobilità Ripa e l’assessore al Turismo e Cultura Alfarano si lanciano in un’iniziativa, “Nite-Bus”, contestata dai GD che precedenetemente avevano proposto l’istituzione di “Bus by night”. “Ci domandiamo se l’opinione relativa Nite-Bus dell’assessore Ripa sia la stessa o sia diversa rispetto alla sua presa di posizione su un progetto simile presentato da noi giovani democratici” affonda provocatoriamente Diego Dantes. “Presentando una sorta di analisi sociologica, con testuali parole Ripa rispose alla nostra proposta del Bus by night” in questo modo: “Chi utilizzerebbe i pulmini? La movida è animata da giovani che provengono dalla provincia, dunque parcheggiano a ridosso del centro storico. Poi ci sono gli universitari, quasi tutti  residenti vicino al centro. Il servizio si tradurrebbe in un ulteriore aggravio di spese dal momento che bisognerebbe impiegare degli autisti nelle ore notturne per svolgere un servizio che in pochissimi o nessuno utilizzerebbe”.

Ora, con la proposta del collega Alfarano, cosa pensa che sia giusto fare?> 
Dantes quindi conclude: “E’ un’amministrazione oramai allo sbando che non accetta, in maniera aprioristica, alcuna  proposta. Perché i giovani leccesi dovrebbero fidarsi nuovamente di Perrone e della sua squadra?”.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

uno × 5 =