“Gli spiragli che si aprono da Roma sullo sblocco del processo di internalizzazione nella sanità pugliese lasciano ben sperare in una soluzione positiva della vertenza e confermano quanto più volte sottolineato dall’Udc di Puglia, cioè  che la via del dialogo è l’unica percorribile.

Siamo soddisfatti per l’esito dell’incontro di ieri tra il ministro Fitto, il presidente Vendola e l’assessore Fiore”. Lo ha detto il presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro, commentando la notizia dell’incontro romano sulla vertenza delle internalizzazioni di oltre 700 lavoratori negli ospedali pugliesi.
“Da tempo – ha sottolineato il capogruppo Udc – andiamo sostenendo che c’è un modo nuovo di fare politica da parte delle opposizioni che devono impegnarsi a dialogare e quando necessario collaborare con le maggioranze nell’interesse esclusivo dei territori e dei cittadini, senza perdere la propria funzione democratica di controllo e di garanzia. Insomma, non si può votare sempre contro un provvedimento solo perché si siede tra i banchi dell’opposizione. Qualsiasi iniziativa va discussa e valutata e se va nell’interesse del territorio e dei cittadini anche sostenuta nelle apposite sedi. Questo ci chiede oggi il cittadino che dice basta alle posizioni preconcette e di parte e alle risse mediatiche che non portano da nessuna parte”.
“Siamo soddisfatti per l’esito dell’incontro tra il ministro Fitto ed il presidente Vendola – ha concluso Salvatore Negro – e come Gruppo Udc siamo pronti a fare la nostra parte affinché si prosegua sulla via intrapresa e si possa giungere in tempi rapidi ad una soluzione della delicata vicenda delle internalizzazioni, restituendo in tempi brevi dignità e serenità ai 700 lavoratori e alle loro famiglie”.