“Da giorni ormai su diversi siti giallorossi è apparso il logo della campagna “DIVIETO DI CIRCOLAZIONE” , un’iniziativa il cui scopo è protestare contro questo accanimento messo in atto dal CASMS contro tutti i tifosi giallorossi, residenti in Puglia, a cui viene costantemente negato il diritto di seguire

ed incitare la propria squadra nelle partite esterne.” Lo comunicano in una nota i tifosi di www.leccegialorrossa.net.

“Nei giorni scorsi anche l’Us Lecce è stata messa al corrente della nostra iniziativa. La stessa società d’altronde si sente penalizzata in quanto in trasferta non può godere di quel supporto e quella spinta (ricordiamo i 5000 tifosi presenti a Bologna nella sfida retrocessione del 2008/09) e che potrebbe dare una spinta importante ai ragazzi in campo. Sapremo quindi nei prossimi giorni se la nostra campagna ha in qualche modo smosso qualche pietra e aspettiamo con fiducia!!!

Il perchè di questi continui divieti. Siamo veramente i più pericolosi tifosi d’Italia?

Nessuno ha mai realmente creduto che un fumogeno esploso a Roma possa aver portato il CASMS a ritenerci la tifoseria più pericolosa d’Italia, quindi sicuramente, non crediamo di essere i più pericolosi, sicuramente siamo fra i più contestatori, siamo fra i meno tesserati e siamo quelli che, nonostante siano passate 26 giornate di campionato e nonostante il buon campionato della compagine leccese, la linea della tifoseria non ha fatto il benchè minimo passo indietro e continua imperterrita domenica dopo domenica a protestare restando in silenzio.

C’è da prendere in considerazione anche un altro fatto purtroppo. Nelle ultime settimane le partite “vietate” stanno diventando sempre più numerose, ogni determinazione vieta alle tifoserie ospiti almeno il 60% delle partite di serie A. Nella prossima leggeremo che i romanisti non potranno venire a Lecce, gli interisti non potranno andare a Genova, i bolognesi non potranno andare a Cagliari e via dicendo, saranno ben 7 le partite vietate.  Un pò troppe per non pensare che, forse, ci si sta preparando al prossimo anno, quando probabilmente TUTTE le trasferte saranno libere solo per chi ha aderito alla tessera del tifoso. Come a dire che pian piano cercano di abituarci al loro calcio fatto solo di paytv e carte di credito spacciate per decreti antiviolenza.

NO GRAZIE NOI NON CI STIAMO!!!”

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre × 5 =