Sono 6 i progetti approvati oggi dal Comitato di Valutazione del PON Sicurezza 2007-2013 presieduto dall’Autorità di Gestione, prefetto Nicola Izzo, che si è riunito presso la Scuola Superiore della Polizia a Roma. Due progetti riguardano la Calabria, uno la Sicilia, uno la Campania e uno la Puglia.

Un sesto progetto ha carattere interregionale ed è stato presentato dalla Direzione Centrale Anticrimine per dotare le pattuglie della Polizia di Stato di 550 nuovi apparati di bordo per il controllo del territorio nelle quattro regioni Obiettivo Convergenza.  

In Puglia e Calabria sono stati finanziati due nuovi Centri polifunzionali che forniranno ad immigrati extracomunitari regolari servizi di formazione linguistica, orientamento e avviamento al lavoro.
Uno nascerà ad Arnesano, in provincia di Lecce e uno a Strongoli, in provincia di Crotone. Sempre in Calabria, ma nel Comune di Dinami (Vibo Valentia) un edificio pubblico abbandonato verrà ristrutturato e trasformato in Centro di aggregazione giovanile.

In Sicilia, invece, un progetto presentato dal Comune di Trabia (PA) prevede l’adeguamento di un immobile confiscato alla criminalità organizzata da destinare a Comunità terapeutica assistita per pazienti con disabilità mentale provenienti anche dall’esperienza del carcere. La struttura tra l’altro offrirà servizi di residenzialità temporanea.

Infine, un altro progetto è stato presentato dalla Procura della Repubblica di Napoli per favorire la trasparenza nella gestione di sequestri, fermi e confische dei veicoli iscritti nei pubblici registri.   
L’ammontare complessivo dei finanziamenti assegnati oggi è pari a 10.393.275,80 euro. Il Programma Operativo Nazionale Sicurezza per lo Sviluppo delle regioni Obiettivo Convergenza, ovvero Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, è cofinanziato dall’Unione Europea ed è gestito dal Ministero dell’Interno – Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.