E’ con forte senso di responsabilità che i Giovani Democratici di Lecce aderiscono alla manifestazione delle donne e per le donne. Anche a Lecce ci si domanderà, domenica prossima 13 febbraio alle ore 18.00 in Piazza Sant’Oronzo,“Se non ora, quando?” . Un momento di riflessione, in questo momento delicato, sulla situazione delle donne in Italia.

“E’ importante porre l’accento, in questo momento particolare, sulla condizione delle donne in Italia -afferma Diego Dantes, dei Giovani democratici di Lecce- perché assistiamo a continui abusi perpetrati sulle donne. E’ una questione di civiltà. La mercificazione del corpo della donna non può essere l’unica alternativa presentabile a quelle migliaia di donne che lottano ogni giorno per costruirsi un futuro migliore”.

Il segnale che viene dato al mondo e alle prossime generazioni, quello del BungaBunga e della carriera facile, è dei peggiori dal punto di vista etico ed istituzionale. A tal punto credo che sia urgente, rimboccarsi le maniche e manifestare, uomini e donne insieme, in piazza contro questo potere di corruzione e contro la mercificazione del corpo femminile. Manifestare tutta la propria indignazione per quello che sta accadendo in Italia e valorizzare il lavoro e l’importanza delle donne, il cui valore è ben diverso da quello che il nostro premier le attribuisce nelle stanze di Arcore” ribadisce, concludendo, Matteo Bottazzo, anche lui dei giovani democratici di Lecce.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.