I consiglieri regionali PD Sergio Blasi e Antonio Decaro hanno presentato una proposta di legge sulla “Titolarità sedi farmacie rurali”.
Nella relazione alla pdl si legge che “con l’art. 46 della legge 16.01.2003, n. 3, il legislatore statale aveva disciplinato la modalità di consolidare le gestioni farmaceutiche provvisorie (art. 129 del Testo Unico delle leggi sanitarie di cui al R.D. n. 1265/1934) protrattesi per un determinato periodo di tempo”.

“Con sentenza n. 87/2006 la Corte Costituzionale – proseguono i consiglieri – ha annullato detta norma per violazione della competenza legislativa regionale, ritenendo che, alla luce del nuovo testo dell’art. 117 della Costituzione, come modificato dalla legge costituzionale n. 3/2001, e della nuova ripartizione delle competenze legislative tra Stato e Regioni, non spetti più allo Stato, bensì alle Regioni, disporre norme di dettaglio nella materia della organizzazione del servizio farmaceutico.
Nell’esercizio delle proprie funzioni la Regione può dunque intervenire nella materia.
L’esigenza cui, nella prospettiva che precede, intende far fronte la norma che si propone è quella di favorire, quanto meno, la stabilizzazione delle situazioni provvisorie che riguardano le piccole comunità, al fine di favorire, anche in tali situazioni, gli auspicabili investimenti professionali ed economici”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

3 × tre =