Lecce 1928 -29Il bilancio del Lecce nei precedenti venti incontri nel Salento con la squadra siciliana è molto favorevole: 12 vittorie, 5 pareggi e 3 sconfitte, 32 reti segnate e 17 subite.

La prima sfida in Puglia si giocò allo stadio “Carlo Pranzo” il 2 giugno 1929, e si concluse con la vittoria dei giallorossi per 2 – 0. Il Lecce allenato dall’ungherese Ferenc Plemich si aggiudicò l’incontro grazie alla doppietta di Lanza. La vittoria più eclatante dei giallorossi sui rosanero avvenne il 16 Febbraio 1947, alla diciassettesima giornata del campionato di serie B. Il Lecce surclassò il Palermo per 5 – 1 grazie alla tripletta di Aurelio De Marco, conosciuto come Aurelio Pavesi, al ’12, al ’17 e ’38, le reti di De Santis al ’70 e Gavazzi al ’76.

La sconfitta più brutta con i siciliani è anche la più umiliante della storia calcistica leccese. Il 23 ottobre 1994 il Palermo s’impose con il risultato di 7 – 1. Marcatori del match furono: Campilongo che andò in rete per 5 volte, Petrachi e Rizzolo. La rete dei giallorossi fu segnata da Biondo al ’14, era il gol del momentaneo pareggio.

L’ultima vittoria dei giallorossi al Via del mare è avvenuta il 5 marzo 2006 in serie A. Il Lecce allenato da Rizzo-Paleari scese in campo con: Benussi, Camisa, Saidi, Diamoutene,Rullo, Giacomazzi, Ledesma, Del Vecchio, Cassetti, Vucinic, Babù. Il Palermo di Papadopulo rispose con: Andujar, Zaccardo, Barzagli, Biava, Grosso, Mutarelli, Codrea, Barone, Gonzalez, Di Michele, Caracciolo. I giallorossi si aggiudicarono l’incontro per 2 – 0, reti di Vucinic e Giacomazzi. L’ ultima sfida tra le due compagini si è giocata nel 2008 ed è finita in parità. Alla rete di Cacia al minuto 22, ha replicato per i rosanero Cavani a due minuti dal novantesimo.

Il Lecce è la sola squadra della serie A 2010/11 le cui partite non sono mai terminate con un pareggio per 0-0. L’ultimo 0-0 giallorosso e’ datato 30 maggio 2010, in casa con il Sassuolo, in serie B.

Daniele Corvia, se dovesse scendere in campo, festeggerebbe la 200/a presenza ufficiale della carriera professionistica.

Dario De Carlo

CONDIVIDI