Un’interrogazione urgente al Ministro della salute Ferruccio Fazio e a quello degli Esteri Franco Frattini per chiedere quali azioni il Governo italiano intenda intraprendere nei confronti delle autorità svizzere sulla vicenda amianto. E’ quanto annuncia la senatrice Adriana Poli Bortone, presidente nazionale di Io Sud alla luce della denuncia riguardante molti ex lavoratori dell’azienda Eternit di Niederurnen

che si sono ammalati di cancro dopo anni di lavoro in Svizzera e dopo essere entrati in contatto con la sostanza nociva. “I dati che stiamo apprendendo in queste ore – dice la senatrice – sono allarmanti, così come è preoccupante lo studio della Asl di Lecce secondo il quale il 35% dei primi 194 casi di ex dipendenti analizzati risulta affetto da cancro ai polmoni con molti morti. Una situazione in cui si trovano circa mille famiglie salentine costrette oggi a lottare non solo contro la malattia ma anche contro la burocrazia elvetica per ottenere i sacrosanti indennizzi previsti dalla legge”.

“Per questo – conclude – nelle prossime ore coinvolgerò i ministri competenti anche perché siano attivate tutte le procedure utili ad uno snellimento delle pratiche presso il Suva, l’ente di previdenza elvetico che – da quanto apprendo – riconosce la causa professionale delle malattie sono se queste ultime sono in stato avanzato. Questo vuol dire che gli ex dipendenti Eternit devono essere prossimi alla morte per godere degli indennizzi.  La Svizzera dovrebbe essere riconoscente verso il popolo italiano e verso quello salentino che tanto hanno fatto  e stanno facendo per quella nazione”.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

uno + 8 =