È bastato un semplice rimprovero per far perdere la testa ad un ragazzo, ospite della casa famiglia “Ambarabà” di Carmiano,  e ad indurlo a mordere la mano dell’educatrice, in particolare un dito strappandole addirittura l’unghia.

 

L’episodio è accaduto la scorsa notte. L’educatrice è stata costretta a far ricorso alle cure dei medici del pronto soccorso del Vito Fazzi di Lecce, dove è stata giudicata guaribile in 10 giorni.

Il giovane è stato denunciato dai carabinieri di Carmiano

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sedici + 8 =