Dagli ulivi secolari del Salento ai canali indimenticabili di Venezia. La pizzica e la taranta, che segnano il ritmo musicale di una delle regioni più belle del Sud, arrivano infatti al Carnevale di Venezia. Domani è di scena una giornata dedicata ai suoni che nel passato scandivano il rituale di cura dal morso della tarantola.

 

Nell’ambito della rassegna ‘Carnevalanga’, a Campo San Giacomo dall’Orio, ci sarà un viaggio attraverso la musica / danza folk del momento con i gruppi più significativi.

Alle 18.30 ci sarà poi un laboratorio di Pizzica e Tamburello a cura del gruppo PizzicAvenezia che precederà il concerto degli ‘Anciovi – Vivi’ alle 20 ed il loro travolgente repertorio di pizziche e tammurriate siciliane. Alle 20.30 spazio a i Jamarrea con una originale rivisitazione dei ritmi sfrenati della taranta. Gran finale alle 22 con il cantautore Gerardo Balestrieri, compositore polistrumentista, già protagonista in diverse edizioni del Premio Tenco.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.