«Una festa tutta italiana» è il nome dell’iniziativa fortemente voluta dagli Assessorati alla pubblica istruzione e alla cultura con la quale Casarano si appresta a celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia.

La manifestazione è il frutto della collaborazione e del coinvolgimento di una pluralità di attori sociali, dal Comune alle associazioni, dal Conservatorio all’Università.
Si comincia alla ore 18.00 di giovedì 17 marzo, in Piazza San Domenico, con la rappresentazione storica a cavallo curata dall’associazione ippica Sud Salento e il concerto bandistico a cura dell’associazione Santa Cecilia.
Alle ore 20.00, nel Teatro Filograna saranno presentati i risultati del progetto MUST150, con la proiezione del video conclusivo delle attività svolte nei vari istituti scolastici della città. Il progetto è stato realizzato dagli Assessorati alla cultura e alla pubblica istruzione, dall’associazione di docenti Liceo Docet e dall’Università del Salento. Interverranno i docenti Attilio Pisanò e Roberto Martucci dell’Università del Salento e i referenti di Liceo Docet.
MUST150 è un progetto innovativo di promozione dei diritti umani intesi come fondamento della cittadinanza italiana.
Seguirà il concerto dell’Ensemble di Flauti “Fortunae Flatus” diretto da Luigi Bisanti in «Viva Verdi». Sulle note dell’ensemble, spazio alla danza con un passo a due coreografato dall’associazione Scarpette Rosa. Il concerto è inserito nel Festival internazionale «La voce degli angeli», promosso dall’Assessorato alla cultura del Comune di Casarano in collaborazione con l’Accademia dei Serenati e il Conservatorio «Tito Schipa» di Lecce. Successivamente, ad esibirsi saranno il coro polifonico Caesaranum e il coro voci bianche diretti da Paola Toma.

«Per una Nazione come l’Italia, che ha fatto dell’arte e della cultura il proprio vessillo in tutto il mondo – commentano il sindaco Ivan De Masi e l’assessore alla cultura Ciccia Mariano – abbiamo voluto festeggiare i 150 anni dell’Unità con una celebrazione dall’alto contenuto simbolico, ma anche dalla forte valenza artistica e culturale. La sinergia che siamo riusciti a creare tra mondo dell’associazionismo, mondo accademico e mondo scolastico, con il diretto coinvolgimento dei ragazzi delle scuole di Casarano, ci è sembrato il modo migliore per festeggiare la nostra Italia».

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre × 1 =