Proseguono con efficacia i controlli della Guardia di Finanza finalizzati all’accertamento del regolare assolvimento delle disposizioni in materia previdenziale, assistenziale ed assicurativa, a tutela dei lavoratori.

In questi ultimi giorni, i Finanzieri della Tenenza di Casarano hanno concluso due verifiche fiscali rispettivamente nei confronti di un operatore turistico ed un’impresa edile.

L’attività di verifica, scaturisce da precedenti controlli ispettivi eseguiti nel corso dell’anno dagli stessi militari che, nell’ambito della all’economia sommersa, con particolare attenzione alla repressione del fenomeno legato al cosiddetto “lavoro nero”,  hanno individuato i 3 lavoratori, di cui uno di età inferiore a 16 anni, intenti a prestare la loro opera presso la società verificata senza che fossero stati mai dalla stessa regolarmente assunti.

L’intervento dei militari nei confronti delle imprese ha consentito di riscontrare, anche attraverso le rilevazioni effettuate nei libri contabili ufficiali, confermato dalle dichiarazioni rese dagli stessi dipendenti, il vincolo di subordinazione esistente tra il lavoratore ed i titolari dell’impresa.

Il titolare dell’impresa turistica, che ha impiegato manodopera minorile, è stato deferito alla Procura della Repubblica di Lecce, insieme ai genitori del ragazzo, come previsto dalla normativa in materia di sfruttamento del lavoro minorile.

Il fatto è stato segnalato anche all’INPS, all’INAIL e alla Direzione Provinciale del Lavoro per l’applicazione delle sanzioni, nonché all’Agenzia delle Entrate per i profili di interesse fiscale.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.