L’Amministrazione Comunale di Cavallino doterà la città di una Residenza Sociosanitaria Assistenziale in grado di ospitare venticinque posti letto per anziani non in grado di condurre una vita autonoma, non bisognosi di cure sanitarie complesse ma che richiedono un alto grado

di assistenza alla persona con interventi di tipo assistenziale e socio-riabilitativo ad elevata integrazione socio-sanitaria.
Il bando di gara d’appalto è stato pubblicato il 21 marzo 2001 e il termine per la presentazione delle offerte da parte delle imprese che intendono parteciparvi è fissato al 18 aprile 2011.

La realizzazione della struttura, che sorgerà in via Montegrappa a Cavallino, prevede un importo di spesa di € 1.169.850,00, di cui € 825.000,00 a valere sui fondi PO FESR Puglia 2007-2013, Linea 3,2, Asse III e € 275.000,00 quale cofinanziamento comunale, su un costo totale di investimento pari a € 1.100.000,00, con un incremento di spesa pari a € 69.850,00.

La residenza si compone di due ali e un corpo centrale e si sviluppa su due piani: il piano terra destinato ai servizi per l’utenza, il primo piano riservato ad accogliere il modulo abitativo volto a ricreare un ambiente domestico, mettendo a disposizione degli ospiti stanze e spazi di dimensioni idonee ad accogliere anche i familiari con i quali intrattenersi in momenti di quotidianità.
Nella struttura sono inoltre previsti: un ufficio per il responsabile di amministrazione; una cucina generale e una di sporzionamento a piano; due sale da pranzo (una per piano); due ambulatori per visite mediche; una palestra attrezzata; un centro di fisiokinesiterapia. I servizi di lavanderia, pulizia e stireria saranno invece affidati all’esterno. Le stanze per gli ospiti superano i 9 mq per la singola e i 14 mq per la doppia, sono dotate di servizi igienici interni e attrezzate per la non autosufficienza.
Il progetto è stato realizzato dallo studio di progettazione A+E dell’ingegnere Enrico Carlà, responsabile del procedimento è l’architetto Giuseppe Ciccarese.

«Rivolgere l’attenzione alle persone anziane, soprattutto a coloro che non possono più godere dell’autosufficienza, è un dovere che questa Amministrazione ha inteso rispettare – dichiara il sindaco Michele Lombardi – realizzando una struttura in grado di accogliere questa categoria di cittadini e dotandola non solo dei confort necessari, ma soprattutto di quelle caratteristiche che posano evocare nell’ospite il calore e il concetto di famiglia».

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre × 4 =